Caricamento in corso...
16 ottobre 2016

Proiettile vagante uccide la figlia di Tyson Gay

print-icon
tys

Tyson Gay al fianco della figlia Trinity (foto da Twitter @BigSportGB)

Trinity, la figlia 15enne dello sprinter statunitense, è stata colpita nel parcheggio di un fast food nella contea di Fayette (nel Kentucky), dove alcuni uomini a bordo di due auto si erano scambiati colpi di arma da fuoco

La figlia dello sprinter americano Tyson Gay, campione del mondo dei 100 e 200 nel 2007 ad Osaka, è stata uccisa da un proiettile vagante nel parcheggio di un ristorante fast food, dove alcuni uomini a bordo di due auto si erano scambiati colpi di arma da fuoco. Lo ha reso noto la polizia del Kentucky. La ragazza, che aveva seguito le orme paterne e praticava atletica, si chiamava Trinity Gay e aveva 15 anni. Il decesso è stato confermato dal coroner della contea di Fayette.

Questo terribile destino accomuna, da oggi, il velocista americano ad altri campioni dello sport, come Michael Jordan e Venus e Serena Williams, che hanno perso in tragiche circostanze, morti violente, un familiare stretto. Il fenomeno del basket dovette piangere il padre James ucciso da dei balordi che cercarono di rapinarlo, mentre Yetunde Price Williams, sorella delle campionesse del tennis, ebbe la sventura di trovarsi coinvolta in una sparatoria fra gang del ghetto di Compton, in California, e venne uccisa da un proiettile vagante.

Identico destino la sorte ha riservato oggi a Trinity Gay, solo 15 anni e figlia dello sprinter Tyson, tricampione del mondo a Osaka nel 2007 e poi medagliato in staffetta a Londra, anche se poi venne privato dell'argento per essere risultato positivo a un controllo antidoping. Ha preso parte, sempre in staffetta, anche all'Olimpiade di Rio.

La ragazza, che seguiva le orme del padre e quindi praticava con profitto l'atletica al punto che si era già messa in luce nelle gare di sprint dei campionati regionali, si è trovata come detto in mezzo a una sparatoria fra individui a bordo di due automobili nel parcheggio di un fast food nel Kentucky. Colpita al collo, è stata trasportata prima in un ospedale e poi in un altro, ma non c'è stato niente da fare, e la polizia locale prima e un portavoce della Contea di Fayette non hanno potuto far altro che annunciarne il decesso. "E' stato un atto di violenza insensata, siamo senza parole e con il cuore spezzato", ha commentato il sovrintendente della Contea Manny Caulk.

Il padre, descritto dai media Usa come letteralmente distrutto, è partito dalla California dove si trovava per allenarsi ed è in viaggio verso Lexington. "Non ce l'ha fatta... - sono state le sue uniche parole - e sono così confuso. La scorsa settimana, approfittando del break scolastico, eravamo stati insieme, è una cosa pazzesca. Non ho idea di cosa sia successo". Intanto le forze dell'ordine hanno fermato due persone, ma le indagini sull'accaduto sono ancora in corso.

Tutti i siti Sky