Caricamento in corso...
19 aprile 2011

Boxe, sospeso Tatanka-Russo: in un film senza permesso

print-icon
tat

La locandina del film con Clemente Russo tratto da Roberto Saviano

Sei mesi di sospensione per il pugile medaglia d'argento alle Olimpiadi di Pechino. All'origine del provvedimento la mancata richiesta di autorizzazione a prendere parte alla pellicola tratta da un racconto di Roberto Saviano, "La bellezza e l'inferno"

Sei mesi di sospensione dalla Polizia per il pugile Clemente Russo, medaglia d'argento alle Olimpiadi 2008 e interprete del film 'Tatanka', tratto dal libro 'La bellezza e l'inferno' di Roberto Saviano e diretto da Pino Gagliardi. All'origine del provvedimento la mancata richiesta di autorizzazione a prendere parte al film.

"Clemente Russo -rilevano al Dipartimento di Pubblica sicurezza - è un assistente di Ps in forza alle Fiamme Oro. Persegue i valori della legalità attraverso lo sport così come qualsiasi poliziotto fa lo stesso, attraverso il proprio lavoro quotidiano. Chi vince una medaglia olimpica soggiace alle stesse regole comportamentali di tutti i poliziotti italiani, proprio perché ognuno di loro contribuisce a  diffondere l'immagine della Polizia. Il film in sè non c'entra: Russo, al quale in passato fu permesso di partecipare al reality 'La Talpa', ha deciso di prendere parte a un'iniziativa per la quale non  era stato autorizzato".

Il caso era stato sollevato questa mattina dal quotidiano Il Mattino. "Si tratta di porre tutti sullo stesso piano: vincere una medaglia alle Olimpiadi -aggiungono al Dipartimento di Pubblica sicurezza- non rende nessuno di per sè 'legibus solutus' e l'autorizzazione la devono chiedere tutti, da Russo all'assistente anonimo di Polizia che magari si fa un anno di appostamenti per catturare un latitante".



Commenta nel Forum degli Altri Sport

Tutti i siti Sky