Caricamento in corso...
04 ottobre 2009

Basket, è sempre Siena. Sua la Supercoppa. GLI HIGHLIGHTS

print-icon
spo

Il Montepaschi Siena ha vinto la Supercoppa italiana (foto LaPresse)

Il Montepaschi si aggiudica il trofeo per la terza volta consecutiva, quarta nella storia del club. Emiliani strapazzati 87-65. Sul referto spiccano i nomi di Sato e McIntyre: 19 punti per il primo, 15 per il secondo. GUARDA IL VIDEO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

ENTRA NEL FORUM DEL BASKET

Stagione nuova, musica vecchia. Il grande basket italiano riapre i battenti e da un lontano pianeta ecco sbarcare ancora Siena, che conquista la sua terza Supercoppa Italiana consecutiva, la quarta complessiva, annichilendo una Virtus Bologna che per quanto rinnovata resta anni luce lontana dalla magnifica macchina messa a punto da Simone Pianigiani. Il quintetto di Lardo regge un quarto e mezzo, Fajardo (17 punti), Koponen (ottimo inizio) e Hurd fanno quel che possono, poi è il solito monologo della Mens Sana, dove i nuovi Zisis e Hawkins non sono ancora a loro agio ma poco male, perché la vecchia guardia (sontuosi McIntyre e Sato, rispettivamente 19 e 15 punti) basta e avanza.

Qualora ci fosse bisogno di dirlo, la squadra da battere resta ancora Siena. Eppure l'avvio è abbastanza equilibrato, con la Virtus che tiene testa alla Mens Sana anche se gli errori si sprecano da ambo le parti. Le "Vu Nere", con Hurd e uno scatenato Koponen, provano a mettere la freccia nel finale di primo quarto (+6) e solo il canestro di Domercant permette a Siena di rimanere attaccata (13-17). Gli uomini di Pianigiani si ripresentano con una tripla di Stonerook, che firma anche il sorpasso ma dall'altro lato si sveglia finalmente Penn che consente a Bologna di rimettere la testa avanti.

L'equilibrio, insomma, regna sovrano, nessuna delle due compagini riesce a infilare il break che potrebbe dare una scossa all'incontro. Nelle fila toscane arrivano anche i primi punti di Hawkins e proprio l'ex Roma e Milano prova, con la collaborazione di Lavrinovic e McIntyre, a dare una svolta alla gara, con Siena che vola a +6. Un vantaggio che i campioni d'Italia riescono a difendere con successo e ad aumentare grazie al play statunitense, che ingaggia un duello a distanza con Koponen e permette ai suoi di andare all'intervallo lungo sul 41-33. Al rientro sul parquet la musica non cambia, con le Vu Nere che cercano di ridurre il gap e la Montepaschi subito pronta a scappare di nuovo, tanto che la tripla di Sato a metà terzo quarto vale il +12 (51-39). Anche se Fajardo è l'ultimo ad arrendersi, il quintetto di Lardo comincia a mollare la presa, per Siena è quasi fin troppo semplice dilagare e a 10' dal termine la gara sembra ormai segnata: 67-52. Il moto d'orgoglio che anima le Vu Nere nell'ultima frazione serve a poco, la Mens Sana cancella ogni tentativo di riaprire la gara e alla sirena il tabellone segna 87-65: il primo trofeo stagionale lo porta a casa, come al solito, la truppa di Pianigiani.

Tutti i siti Sky