Caricamento in corso...
26 novembre 2009

Eurolega, primo ko per Siena. Milano sconfitta a Madrid

print-icon
mon

Romain Guessagba e Sato Lebel durante Montepashi Siena-Barcellona (foto LP)

Il Montepaschi incassa la prima sconfitta stagionale e cede in casa 65-84 al Barcellona ora capolista solitario del girone. Ennesima rimonta subita dall'Armani che perde 82-69 al Real Madrid dopo essere stata avanti per tre quarti di partita

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DEL CAMPIONATO ITALIANO DI BASKET

Vittoria al PalaMensSana per gli spagnoli del Barcellona contro la Montepaschi. Ora la squadra catalana è da sola in testa a punteggio pieno nel girone A dell'Euroleague con cinque vittorie in altrettanti incontri. Per i biancoverdi di coach Pianigiani è la prima sconfitta nella stagione. Gara molto fisica e combattuta tra le due formazioni che cominciano subito a ritmi alti. A metà periodo  solo due lunghezze separano le squadre(9-11) e l’intensità non scende. il Barcellona tiene la testa, ma Siena non lo molla e a 1’16” è sotto di uno (16-17). I catalani allungano con la tripla di Lakovic, Siena si riavvicina con Hawkins ed il primo quarto si chiude 18-20. Zisis pareggia i conti in avvio del secondo periodo, ma il Barcellona infila un parziale di 0-8 che costringe Pianigiani al time out. Domercant chiude il parziale blaugrana, ma Fran Vazquez replica per i catalani. A 4’ Lavrinovic dalla lunetta porta il punteggio sul 28-34.

Il ritmo non si abbassa ed il Barcellona continua a condurre i giochi attaccando e difendendo con aggressività. La Montepaschi regge il colpo e mette in difficoltà la squadra blaugrana che riesce a trovare comunque la via del canestro. I liberi di Mickeal chiudono il periodo per 34-43. Fran Vazquez dalla lunetta apre il terzo quarto. Dopo 1’ e mezzo sono dieci le lunghezze che separano le due formazioni (35-45). La Montepaschi trova punti importanti. Siena lotta in attacco e in difesa e a 4’30” è a -6 (44-53). Lavrinovic dalla lunetta e Domercant in arresto e tiro riportano Siena a -4 (53-57) quando mancano 50” al termine del terzo periodo. Il Barcellona però chiude la terza frazione 53-61. 7-2 per i balugrana dopo 3’ dalla rimessa a centro campo. Zisis in lay up accorcia e Mc Intyre segna per il -8 (60-68). T-Mac trova la bomba, ma il Barcellona trova punti pesanti nonostante la difesa mensanina. Sato segna in lay up, ma è la tripla di Navarro a chiudere la gara sul punteggio di 65-84.

Termina al 33’ il sogno di gloria dell’Armani Jeans Milano al Vista Allegre di Madrid. L’Olimpia da una situazione di 60-67 palla in mano subisce un parziale clamoroso di 20-0 che manda al tappeto l’AJ che perde 82-69. Il principale colpevole di quella che alla fine si trasforma in una disfatta è Mike Hall che si fa fischiare un tecnico sanguinoso e che uccide le speranze di una Milano più che positiva fino a quel momento. Il colpo di testa del chicagoano arriva nel momento migliore di una AJ a +7 al 33’ e che si blocca in attacco spegnendosi offensivamente per ben 7 minuti e regalando la partita a coach Ettore Messina e ai suoi Blancos. L’inizio è formidabile per i milanesi che pur facendo la conta di assenti e acciaccati (fuori Petravicius e Acker, Finley febbricitante e Rocca con guai fisici) aggrediscono ottimamente la partita portandosi rapidamente a +5 con la tripla del Bullo. Prima della fine del primo quarto però il Real rientra, ma nel secondo periodo Maciulis prima firma 5 punti in fila e poi anche il canestro del 21-31 del 14’. Velickovic con 6 punti consecutivi riavvicina i suoi, ma alla pausa lunga è Milano a condurre le danze (36-45).

L’AJ riprende fortissimo con 4-0 sull’asse Mancinelli-Maciulis, ma il Real risponde con un break di 10-0 che riapre la gara (48-51). I milanesi riprendono subito quota in attacco con un altro 4-0, ma dall’altra parte il Real completa la rimonta con la tripla del sorpasso di Hansen (55-53). L’Olimpia con il cuore confeziona un altro break di 5-0, ma Prigioni impatta sul 58-58 del 30’. Milano non cala d’intensità e con un'altra coppia di missili dall’arco è nuovamente +6 Olimpia al 33’. La lotta lituana sull’asse Kaukenas-Maciulis è splendida con triple e controtriple tra i due che duellano egregiamente, poi però Hall perde la testa e si fa fischiare tecnico nel momento migliore della partita per l’AJ regalando 5 punti ai padroni di casa che impattano 67-67. Il Real non si ferma più e con Llull decolla al +7 e poi anche a +9 con un pesante 16-0 di parziale che uccide la partita (da 60-67 al 76-67). Alla fine l’onda madrilena si ferma solo sul 20-0 a meno di 1’ dalla fine, quando Milano ha già sventolato bandiera bianca. Finisce 82-69.


ENTRA NEL FORUM DEL BASKET

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky