Caricamento in corso...
22 dicembre 2009

Basket nella bufera, 41 arbitri indagati per frode

print-icon
bas

Basket truccato: si indaga su 41 arbitri

La Procura di Reggio Calabria ha emesso l'avviso di conclusione delle indagini per abuso d'ufficio e frode: oltre ad arbitri, direttori di gara e commissari, coinvolti anche alcuni presidenti di società che richiedevano fischietti "compiacenti"

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DEL BASKET

COMMENTA LA NOTIZIA NEL FORUM DEL BASKET

Quarantuno iscritti al Cia, il Comitato italiano arbitri di basket, tra direttori di gara e commissari, hanno ricevuto l'avviso di conclusione indagini per abuso d'ufficio e frode in competizioni sportive nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Reggio Calabria su presunti condizionamenti di alcune gare del campionato di basket di serie B e C per favorire alcuni arbitri.
L'avviso è stato emesso dal pm Maria Luisa Miranda e notificato da personale del Compartimento della Polizia postale e delle Comunicazioni di Reggio.

Al presidente del comitato, Giovanni Garibotti, al responsabile del Settore commissari speciali, Giovanni Battista Montella, al designatore dei Commissari speciali Alessandro Campera e al designatore degli arbitri di serie C maschile Massimo Cuomo, vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata all'abuso d'ufficio ed alla frode in competizioni sportive.
Agli altri indagati, a vario titolo, i reati di abuso d'ufficio e frode in competizioni sportive, in concorso.

Il 28 aprile scorso, Garibotti, Montella e Campera erano stati sospesi dall'esercizio del pubblico ufficio. Le indagini riguardavano anche alcuni presidenti di squadre che richiedevano l'invio di arbitri "compiacenti". Le indagini si riferiscono a presunti illeciti commessi nelle stagioni sportive 2007/2008 e 2008/2009, con il condizionamento delle graduatorie arbitrali e di alcune gare del campionato di basket. Gli arbitri ed i commissari indagati appartengono alle categorie A dilettanti maschile-A1 femminile, B maschile-A2 femminile, C maschile-B femminile.

Secondo l'accusa, negli ultimi anni il sistema delle valutazioni degli arbitri era condizionato dai quattro esponenti di vertice del Cia che già prima delle partite stabilivano i voti da dare agli arbitri designati e già all'inizio dell'anno decidevano chi degli arbitri dovesse salire o retrocedere. Il sistema, secondo l'accusa, ha anche consentito ai quattro responsabili, attraverso arbitri consenzienti, di favorire alcune squadre a danno di altre. Gli incontri al centro delle indagine, allo stato, riguardano alcune squadre di Toscana, Umbria e Sicilia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky