Caricamento in corso...
08 ottobre 2010

Lakers ko a Barcellona. E non è stata un'amichevole

print-icon
lak

Gasol e Bryant dei Lakers

Nella sfida tra i campioni Nba e i campioni d'Europa vince il vecchio continente, con la vittoria del Barcellona per 92-88 su Los Angeles. Era iniziata in sordina, è finita con tutto il Palau San Jordi col cuore in gola

Nba: a Londra Lakers ko con Minnesota

Commenta nel forum di Nba

di Chiara Baroni

Nella sfida tra i campioni NBA e i campioni d'Europa vince il vecchio continente, con la vittoria del Barcellona per 92-88 sui Los Angeles Lakers. Era iniziata in sordina, è finita con tutto il Palau San Jordi col cuore in gola. Dicevano che la vittoria dei Lakers fosse già scritta, se non altro per una questione di orgoglio. Invece i campioni della NBA tornano negli Stati uniti sconfitti dai campioni d'Europa e di tutto si è trattato tranne che di una esibizione.

Quella, al massimo la si è vista nel primo tempo, tutto sotto il segno del ritorno a casa del catalano Pau Gasol, con Kobe che gioca 8 minuti e il Barça che quasi viene lasciato andare al riposo avanti di 1. Ma nella ripresa, niente scherzi: fuga Lakers sul +11, con Artest e Odom a dare, ciascuno a modo suo, ripetizioni di pallacanestro, Barça allo sbando che ritrova la bussola - udite udite - grazie al tiro da tre da distanza NBA e alla grinta di un Pete Mikael a cui a un certo punto hanno iniziato ad andare di traverso i dispetti di Kobe Bryant.

Risultato: i blaugrana riescono a ricucire con un controparziale di 14 a 4, Kobe si arrabbia e, ginocchio o non ginocchio, comincia a fare sul serio. Anche Phil Jackson a un certo punto deve aver pensato: si mette male. Gli ultimi cinque minuti in campo c'è il quintetto base della Los Angeles campione. Ma né la classe, né qualche furbizia nel procurarsi i falli né il nervosismo, alla fine, fanno perdere la testa al BarCa. E alla sirena il tabellone dice 15 Bryant, 25 Gasol e 25 Navarro, ma soprattutto 26 Mikael, uno che, a differenza degli altri tre, l'NBA l'ha potuta solo potuta sognare, ma che anche nella vecchia Europa è riuscito a togliersi qualche soddisfazione.

Tutti i siti Sky