Caricamento in corso...
23 dicembre 2012

L'EA7 Milano crolla nel derby: Varese torna in vetta

print-icon
sca

Niente da fare per Sergio Scariolo: sconfitta per Milano nella Classicissima contro Varese

La Cimberio ritrova la testa della classifica vincendo al Forum di Assago il big match della giornata contro la squadra di Scariolo. Seguono Sassari e Siena, vittoriose rispettivamente contro Roma e Bologna. In coda sconfitta per Pesaro

La dodicesima giornata di regular season premia ancora la Cimberio Varese, che resta in testa alla classifica vincendo il derby del posticipo con l'EA7 Emporio Armani Milano. I biancorossi di Vitucci passano per 83-77 al Mediolanum Forum dopo aver sempre condotto per i 40 minuti di gara, trovando in Banks e Green, a referto rispettivamente con 26 e 19 punti, due autentici trascinatori. Varese sale così a quota 22, seguita a 20 da Siena e Sassari, uscite vincenti dagli altri due big-match della domenica pre-natalizia.

Acea Roma-Banco di Sardegna Sassari 81-83 - Drake Diener rompe l'equilibrio che domina la sfida tra Acea Roma e Sassari, e i sardi possono tornare a casa con una vittoria. Sotto 81-80, al PalaTiziano il quintetto ospite riesce a ribaltare il risultato grazie ai tiri liberi dello statunitense, che firma ben 13 punti solo nell'ultimo quarto di gioco. Dall'altra parte, uno strepitoso Gani Lawal ne firma 34 in 30 minuti. Quanto basta per guadagnarsi il titolo di mvp, non per evitare la sconfitta all'Acea Roma.

Saie3 Bologna-Montepaschi Siena 66-77 - Troppa Siena per questa piccola Bologna che, escluso un volitivo secondo quarto, dei campioni d'Italia ha sempre visto la targa da molto lontano. La Montepaschi, ad oggi la squadra più in forma del campionato, ha comandato fin dalla prima azione: un avvio bruciante, firmato Janning, diventato bottino da difendere per il resto dei 40 minuti.
Di fronte agli affondi di Smith (11/21, dopo lo 0 di Venezia), ci hanno pensato l'ottimo Ress (4/8) e il chirurgico Bobby Brown: sua la 'tripla' a tre minuti dalla fine che ha chiuso ogni discorso.

Angelico Biella-Enel Brindisi 59-94 - Partita a secondo unico a Biella, dove l'Enel Brindisi ha costretto l'Angelico alla disfatta e a quella che molti tifosi hanno definito la più brutta partita della sua storia. Brutta non solo per il punteggio basso e gli errori ma soprattutto per la resa dei giocatori, che hanno letteralmente smesso di giocare. Fin dai primi minuti di gioco Brindisi è padrona assoluta mentre Biella pasticcia e fatica a costruire le sue azioni. Finisce con gli ospiti che vincono di 35 (59-94).

Trenkwalder Reggio Emilia-Sidigas Avellino 91-64 - La debolissima Avellino di questi tempi si rivela il 'brodino' perfetto per restituire a Reggio Emilia punti e fiducia dopo gli ultimi passaggi a vuoto. Enorme il divario tra le due squadre con la Sidigas che è rimasta in partita giusto il primo quarto: poi, alla prima accelerazione reggiana, si è sfaldata senza opporre resistenza e l'impressione è che per coach Tucci salvarsi sarà un lavoro complesso. La Trenkwalder, invece, ha messo in mostra uno strepitoso Antonutti (6/7 da 3) e un solido James (8/12) che dopo la promessa di matrimonio in diretta tv all'All Star Game di domenica scorsa ha fatto il protagonista anche in campo.

Gli altri risultati:
Montegranaro-Cantù 79-100
Cremona-Pesaro 91-73
Vanoli Cremona-Scavolini Banca Marche Pesaro 91-73
Sutor Montegranaro-Chebolletta Cantù 79-100
Juvecaserta-Umana Reyer Venezia 77-83 dts

Tutti i siti Sky