Caricamento in corso...
26 novembre 2015

Orgoglio Milano, l'Olimpia piega l'Efes 88-84 e torna a sperare

print-icon

I VIDEO. Vittoria doveva essere, vittoria è stata. Il team di Repesa, privo di Gentile a causa di un problema muscolare, può ancora provare a puntare alla Top 16. Repesa ora ci crede: "La qualificazione è ancora possibile"

Doveva arrivare una vittoria: unico risultato per sperare ancora di qualificarsi alle Top 16 di Eurolega. E la vittoria è arrivata. Senza il capitano Ale Gentile per un problema muscolare (resterà fuori 10 giorni), l’Olimpia tira fuori l’orgoglio e piega l’Efes di Istanbul. Per la squadra di Milano è la seconda vittoria su sette.


 


Repesa sceglie Kruno Simon, al posto di Gentile, e il croato non si fa pregare prendendo per mano la squadra sin dall’inizio. L’Efes, però, dimostra di esserci: ne nasce un match punto a punto. E nessuno, da entrambe le parti, riesce a rompere l’equilibrio. L’Olimpia è un’altra squadra e Jenkins tiene la sua squadra su di 2 nel primo parziale (23-21).


Gli uomini di Repesa riescono a trovare una buona circolazione di palla, e ad andare sul massimo vantaggio già al 14’ (+17). Le rotazioni, però, creano qualche problema all’Olimpia. E un parziale degli avversari di (13-4) accorcia le distanze. I turchi vanno addirittura a riposo con 2 punti di vantaggio. Sia da una parte, sia dall’altra, le difese si fanno sentire. L’equilibrio di gara regna anche al rientro in campo. E Milano si prepara all’ultimo parziale con una lunghezza di vantaggio. Le emozioni si susseguono fino alla fine, e il team di Repesa chiude sull’88-84. Oltre a Simon (17 punti), prova super di McLean (28) e Lafayette (15). Si può tornare a sperare.

 

 

Tutti i siti Sky