Caricamento in corso...
26 maggio 2016

Reggio Emilia avanti 3-2: battuta Avellino 82-72

print-icon

La Grissin Bon cancella le due sconfitte in terra irpina e fa valere il fattore campo anche in gara 5: al PalaBigi successo per 82-72 sulla Sidigas. Reggio Emilia è ora avanti 3-2 nella serie di semifinale

Al termine di un match non bello, ma agonisticamente ai massimi livelli la Grissin Bon si prende la rivincita dopo il -43 di gara-4 e torna in vantaggio nella serie di semifinale scudetto. Primattori in casa reggiana, al di là dei punti segnati, un intensissimo Polonara, il carismatico Lavrinovic e Aradori, coi suoi canestri chirurgici. Avellino è vissuta delle iniziative del duo Ragland-Nunnally, ma, a differenza dei precedenti confronti, è mancata nei lunghi.

 

Il primo canestro della Grissin Bon è una schiacciata a due mani del 39enne Kaukenas, un chiaro segnale della volontà aggressiva dei biancorossi. Si segna col contagocce e la tensione nell'aria è palpabile, tanto è vero che a metà frazione il tabellone è inchiodato sul 7-5 pro Reggio. Nel finale i padroni di casa prendono un minimo di abbrivio chiudendo sul +5.

 

Nel secondo quarto i biancorossi si spingono fino al +8 del 3' (25-17) poi arriva la reazione irpina, propiziata da un ingenuo antisportivo preso da Lavrinovic, e al 5' una conclusione di Nunnally riporta avanti gli ospiti che siglano un break di 9-0. A quel punto sale in cattedra Aradori, segna 7 punti di fila e rimanda i suoi avanti, al 8', 37-31. All'intervallo lungo ci si arriva con la Grissin Bon avanti di 1.

 

Metà del terzo periodo fila via su due binari: nervosismo e punto a punto; poi i biancorossi, sull'asse Lavrinovic-Kaukenas, provano ad andare via allungando fino al +7 (51-44). Margine che viene mantenuto fino alla conclusione della frazione. Gli ultimi dieci minuti iniziano targati biancorosso: prima Polonara e poi Needham con un 2+1 spediscono i padroni di casa al massimo vantaggio, 62-52 dopo due minuti. La Sidigas però non si disunisce e rimane attaccata al match con un positivissimo Ragland. Quando però il coach avellinese Sacripanti rimedia un "tecnico" per proteste, la Grissin Bon sfrutta l'occasione tornando al +11. La Scandone non molla ed a 3' dalla fine una conclusione dai 6,75 di Nunnally la riporta al -3 (68-65). Reggio però, nell'occasione, ha più energia, quella datagli, in particolare, da Della Valle e Polonara. A un minuto dalla fine la Grissin Bon è di nuovo al +7 e questa volta Avellino non riesce a recuperare. Appuntamento per gara 6 sabato sera di nuovo in Irpinia.

 

Tutti i siti Sky