Caricamento in corso...
11 luglio 2016

Bayern, il piano di Ancelotti: nessuna rivoluzione

print-icon

Prime parole da allenatore del Bayern Monaco per Carlo Ancelotti, che in conferenza stampa spiega: "Vorrei seguire lo stile di Guardiola, il suo gioco è stato fantastico"

Il Bayern Monaco abbraccia Carlo Ancelotti: è il giorno della presentazione del nuovo allenatore dei tedeschi, che prende il posto di Pep Guardiola. A proposito dell'ex: "Il gioco di Guardiola è stato fantastico, vorrei seguire questo stile. Ha fatto un ottimo lavoro. E' stato molto carino con me: mi ha lasciato un messaggio sul muro. E poi sono onorato di essere il secondo italiano ad allenare questo club, uno dei più titolati del mondo, spero di lasciare un buon ricordo come lo ha lasciato Trapattoni".

La pressione non è un problema: "Ci sono abituato e perchè faccio un lavoro che amo. Prometto che saremo competitivi su ogni fronte, anche se non sono un mago ma solo un manager". Due battute sul mercato: "La società con Sanches e Hummels è stata bravissima, anche perchè erano due giocatori molto richiesti". Quanto agli altri Ancelotti non si sbilancia, a cominciare da Benatia e Goetze, due sul piede di partenza: "Li considero giocatori del Bayern. Ho parlato con Goetze un mese fa, ma il contenuto del colloquio è riservato. Il mercato comunque è aperto fino al 31 agosto, può succedere di tutto".


A dare il benvenuto ad Ancelotti in conferenza è Karl-Heinz Rummenigge, una delle icone del club bavarese: "E' l'uomo giusto per noi e può continuare a ripetere i successi delle ultime stagioni". "Ho incontrato Carlo a Milano, gli ho chiesto di diventare il nostro nuovo allenatore. Lui mi ha risposto subito di sì. Insomma, non e' stata una lunga trattativa, noi volevamo lui e lui voleva venire qui, quindi siamo tutti molto felici", aggiunge Rummenigge che sul mercato, dice, "nessuna porta è chiusa".

GIOCHI

fan

Fantascudetto

Gioca subito

Tutti i siti Sky