Caricamento in corso...
04 luglio 2016

Inter, raduno ad Appiano. Mancini: "Daremo tutto"

print-icon

Al via la nuova stagione dei nerazzurri, tornati ad allenarsi insieme dopo la sosta estiva. L'allenatore: "Sarà un'annata piena di soddisfazioni". Icardi: "Vogliamo fare grandi cose". Massimo Moratti: "Suning risolleverà i conti del club"

di Silvia Vallini

Icardi, il simbolo e l'uomo mercato più prezioso della rosa, che vuole restare e si dice certo che il Suning farà il bene dell'Inter. Ansaldi, il primo acquisto presente all'avvio del ritiro, argentino di Rosario come Banega e Garay, si allena con il nulla osta e saranno poi Genoa e Zenit a risolvere le frizioni nate dal trasferimento. Kondogbia, l'emblema del salto di qualità che Mancini si attende in generale dalla squadra e nello specifico da alcuni singoli come il francese, dopo il rodaggio della stagione scorsa. Tre giocatori di un gruppo che tra Europei e Copa America fa registrare molte assenze, puntellato con 8 giovani per assumere una forma sulla quale Mancini possa lavorare.

Occhi su Candreva - Inter ad Appiano fino a mercoledì, poi a Riscone di Brunico, dove entro il fine settimana arriverà Erkin e domenica Miranda. Molte saranno le varianti dipendenti dal mercato anche per quanto riguarda le cessioni. Andreolli, Dodò, Ranocchia sono rientrati dai rispettivi prestiti e potrebbero essere inseriti in scambi. Per lo stesso Icardi si sono mosse Arsenal, Tottenham e Atletico Madrid. In attacco l'Inter (che nel frattempo può contare già in questi giorni su Palacio, Jovetic, Biabiany) continua a trattare per Candreva e prova ad abbassare la richiesta di Lotito arrivando intanto a toccare quota 20 milioni più bonus. Meno comunque di quelli che l'Inter sarebbe disposta a investire per Gabriel Jesus, di 10 anni più giovane rispetto all'esterno destro della Lazio. Il Suning ci prova. Oriali, contattato, potrebbe arricchire la società (Nazionale azzurra permettendo). Mancini aspetta, ma intanto, ormai, lavora.

 

Mancini ottimista - Massimo Moratti e Mauro Icardi ne sono convinti: il Suning farà bene e risolleverà i conti dell'Inter. Mentre Roberto Mancini promette: "Sarà un'annata di soddisfazioni". Nel giorno in cui prende il via la nuova stagione, con tutte le incognite legate all'ennesima rivoluzione societaria, l'ex presidente e il capitano nerazzurro tranquillizzano i tifosi sul futuro del club e l’allenatore non nasconde la sua voglia di tornare a vincere. Moratti, intervistato dall'agenzia cinese Xinhua, si dice sicuro che la nuova proprietà sarà in grado di sistemare le finanze dell'Inter: "Quasi tutti i club italiani agiscono con operazioni che prevedono dei conti in rosso. È successo anche quando ero a capo della società, ma in futuro l'Inter non avrà problemi seri in questo senso. Con operazioni efficaci la situazione potrà migliorare e le problematiche saranno risolte in maniera graduale". Stima e fiducia rinnovata con le dovute raccomandazioni: "È importante avere il giusto rispetto nei confronti dei tifosi italiani, del contesto culturale e della squadra". I tifosi si aspettano grandi cose dopo anni di difficoltà. Anche lo stesso Mancini vuole riprendersi il ruolo di protagonista. "Speriamo sia una stagione ricca di soddisfazioni. Dopo un bel po' di tempo - dice a Inter Channel - sarebbe anche l'ora. Ce la metteremo tutta e ringrazio tutti per l'incoraggiamento". L'obiettivo, annunciato anche da Icardi, è tornare in Champions League: "La passata stagione ci siamo andati vicini, ora vogliamo fare grandi cose". Il capitano nerazzurro non è preoccupato delle evoluzioni societarie: "Sono certo che il Suning farà il bene dell'Inter come hanno fatto Moratti e Thohir negli anni scorsi".

FANTAGIOCHI

fan

Fantascudetto

Gioca subito

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky