Caricamento in corso...
14 giugno 2010

Italia, Lippi: ''Il rammarico più grande è il risultato''

print-icon
mar

L'1-1 contro il Paraguay non soddisfa Marcello Lippi: ''Gare così vanno vinte''

Il ct azzurro non ha digerito l'1-1 nella gara d'esordio contro il Paraguay: ''Gare così vanno vinte, non meritavamo certamente di non prendere bottino pieno''. E sulla sostituzione di Buffon: ''Ha avuto un problema alla schiena''. FOTO E VIDEO

LE PAGELLE DI PORRA'

"Il risultato è il rammarico più grande. Non meritavamo certamente di non prendere bottino pieno". Marcello Lippi commenta così il pareggio dell'Italia campione in carica al Mondiale sudafricano, nel match contro il Paraguay. "Nel primo tempo loro si sono avvicinati alla porta e hanno fatto gol su calcio piazzato. C'è stata una bella reazione, dobbiamo fare di più sotto porta e sottorete. Gare come queste vanno vinte".

Il ct azzurro ha anche aggiunto: "Bene come gioco, abbiamo fatto una buona partita. Loro si sono limitati a controllare, non hanno creato assolutamente niente". Infine Lippi, sull'infortunio a Buffon, che ha lasciato nella ripresa il posto a Marchetti, ha detto: "Ha un problema alla schiena. Recuperarlo per la prossima partita? Lo devono dire i medici".

La sostituzione di Gianluigi Buffon è stata motivata da un problema alla schiena. Lo ha confermato il ct Marcello Lippi: ''Buffon aveva accusato un problema alla schiena già nel riscaldamento - ha detto - pensava di potercela fare invece nell'intervallo mi ha chiesto la sostituzione. Per noi è stato un problema, non solo per il valore di Buffon ma anche perché abbiamo perso un cambio che ci sarebbe stato utile nella gestione del finale della partita". Lippi non ha saputo dire i tempi di recupero per il portiere azzurro: "Le sue condizioni saranno valutate dal medico nei prossimi giorni".

Daniele De Rossi è uno dei grandi protagonisti della partita: "Abbiamo giocato tosti senza concedere nulla. Poi c'è stata una disattenzione sul loro gol ed è scattata una reazione rabbiosa da parte di tutti. Poi, ripreso il risultato, e ci è mancato poco per vincere". Per il centrocampista della Roma, "loro erano aggressivi, poi abbiamo trovato più brillantezza negli ultimi 30 metri dove dobbiamo migliorare, tutti quanti, non solo gli attaccanti". Sul gol dei sudamericani De Rossi ammette le responsabilità: "L'uomo da marcare era mio, c'è poco da dire". Sulle prospettive degli azzurri dopo l'esordio, De Rossi ha le idee chiare: "Non pensiamo di essere i più forti di tutti, ma vedo solo due-tre squadre superiori a noi, Argentina, Brasile e Spagna per tecnica, ma non partiamo battuti con nessuno. Ce la giochiamo con tutti".

FANTASCUDETTO MONDIALE

VAI ALLO SPECIALE MONDIALI

GUARDA L'ALBUM DEI MONDIALI

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky