Caricamento in corso...
07 luglio 2010

A Leonardo "la ragazza più bella": la panchina del Brasile

print-icon
leo

Leonardo quand'era ancora sulla panchina del Milan

Da Sky Mondiale Show, l'ex allenatore del Milan lancia un messaggio alla Federazione. Potrebbe essere lui il prossimo ct della Seleçao, perché è lui l'uomo adatto a mostrare il calcio-spettacolo che piace ai brasiliani. Lula chiede un cambio. IL VIDEO

LE PAGELLE DI OLANDA-BRASILE

TUTTI I GOL DEI MONDIALI DA SKY SPORT

La panchina del Brasile ha la sua prima auto-candidatura, partita in carta bollata proprio dagli studi di Sky Mondiale Show. Leonardo ha lanciato un messaggio chiaro alla Federazione Brasiliana di Calcio. Il Presidente della CBF, Ricardo Teixeira, darà al prossimo ct 5 anni per rinnovare la squadra e vuole un uomo disposto anche a rinunciare a qualche vittoria, pur di abbracciare quella più prestigiosa nel 2014 proprio in Brasile.

Leo è giovane, campione del Mondo nel '94 e ha un ottimo rapporto con la stampa, ma soprattutto l'ex rossonero non ha paura di rischiare e far vedere il calcio spettacolo che piace ai brasiliani, convocando forse Pato, Ronaldinho, Ganso e Neymar, tutti inspiegabilmente rimasti fuori dall'elenco dei 23 partiti per il Sud Africa. Parafrasando Leonardo, " la panchina del Brasile è la ragazza più bella agli occhi di chiunque ami il calcio" e siamo certi che il messaggio è arrivato a Teixeira.

Anche Lula chiede il cambio -
Persino il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha chiesto oggi cambiamenti al vertice della Federcalcio brasiliana (Cbf), in seguito all'eliminazione della Seleçao dai Mondiali. Per la prima volta da quando è alla guida del calcio brasiliano, cioè dal lontano 1989, il potentissimo presidente della Cbf, Ricardo Teixeira, è messo in discussione. E la contestazione viene da qualcuno al di sopra di lui, il popolarissimo presidente della Repubblica, che ha suggerito in modo tutt'altro che velato che sarebbe ora di un rinnovamento non solo nella Seleçao, ma anche al vertice del calcio nazionale. "Non posso intervenire direttamente nella Cbf, perché è un ente privato, non sta a me intervenire - ha detto Lula -. Io ritengo che la Federcalcio dovrebbe adottare quello che io ho messo in opera quando ero presidente del sindacato dei metalmeccanici, cambiando la dirigenza ogni otto anni: sarebbe un bene per tutti. Se lo facevamo nel sindacato, non c'è ragione per non farlo nel calcio".

Teixeira è al suo quinto mandato, già scaduto nel 2007, ma prolungato in via eccezionale almeno fino ai prossimi Mondiali che si svolgeranno proprio in Brasile nel 2014. Da quando è al potere non è mai stato seriamente contestato e non è mai emerso un candidato alternativo alla presidenza della Cbf. Ai giornalisti che lo interrogavano sulle dichiarazioni di Lula, Teixeira ha risposto con un "no comment". Il presidente della Federcalcio incontrerà proprio domani il presidente Lula in occasione del lancio a Johannesburg del logo dei Mondiali in Brasile.

L'ALBUM DEI MONDIALI


FANTASCUDETTO MONDIALE

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky