Caricamento in corso...
13 luglio 2010

Da Africa a Zakumi: ecco il vocabolario di Sudafrica 2010

print-icon
bag

Bafana Bafana eliminati? Nessun problema: i sudafricani hanno scelto la squadra migliore del continente: i ... Baghana Baghana (foto Ap)

Il primo Mondiale del continente nero dalla A alla Z. Grandi star: Paul il polpo veggente, Larissa la tifosa paraguayana assente ma immanente. Poi Maradona, Domenech e l'Equipe. E le fastidiosissime vuvuzelas. GUARDA LE 50 FOTO PIU' BELLE DEI MONDIALI

L'ALBUM DEI MONDIALI

LE FOTO: LA FESTA A MADRID

LE 50 FOTO PIU' BELLE DEL MONDIALE

di Lorenzo Longhi

A come AFRICA - Il primo Mondiale del continente nero non ha visto come protagoniste le squadre di casa: eccezion fatta per il Ghana (che ha raggiunto i quarti, fermandosi lì come fecero Senegal nel 2002 e Camerun nel 1990), le altre hanno tutte deluso. Di nuovo: sarà per un’altra volta.

B come BAGHANA BAGHANA - Eliminati i Bafana Bafana già nella fase a gironi, dagli ottavi, gli africani hanno adottato il Ghana, ribattezzandolo con un gioco di parole.

C come CAPELLO
- Quali che siano i motivi del flop, la sua Inghilterra si è rivelata un bluff. Il Sun l’ha presa bene: “Fabio, time to go”.

D come DOMENECH
- Basta la parola, non c’è bisogno di infierire ulteriormente.

E come ESPINOSA
- Trattasi di Mauricio Espinosa, il guardalinee uruguayano che non ha visto il gol fantasma (beh, insomma…) di Lampard nell’ottavo fra Germania e Inghilterra, vendicando i tedeschi 44 anni dopo il gol fantasma (questo sì) di Hurst nel 1966.

F come FINALE
- Quella, inedita, fra Spagna e Olanda: sono serviti i tempi supplementari per regalare alle Furie Rosse il loro primo trionfo Mundial. E per l’Olanda, terza sconfitta su tre finali: un vero e proprio incubo.

G come GERMANIA
- Per anagrafe, qualità e organizzazione, è stata la più bella sorpresa dei Mondiali sudafricani. Si è arresa in semifinale, è comunque salita sul podio, ma questa generazione di talenti ha davanti diversi anni per vincere, anche grazie a Loew.

H come HUN - Hun sta per Kim-Jong Hun, il ct della Corea del Nord, altra nazionale che ne ha combinate di tutti i colori: la più divertente dei Mondiali.

I come ITALIA - Azzurri eliminati, ultimi nella fase a gironi; Capello asfaltato dalla Germania agli ottavi; l’arbitro Rosetti e la sua terna cacciati dopo un colossale errore in Messico-Argentina. Poi l’invasore di campo (italiano) in Germania-Spagna. L’album delle figuracce nostrane è completo.

L come LARISSA - Ovvero Larissa Riquelme, vincitrice morale di questi Mondiali. E senza nemmeno essere mai stata in Sudafrica.

M come MARADONA - Né trionfo, né fallimento. Ed è piuttosto strano, per uno così. Che gli dei del calcio lo preservino.

N come NELSON MANDELA - Figura immanente di questi Mondiali: lo hanno voluto incontrare un po’ tutti, com’era logico che fosse per un’icona del Novecento.

O come OZIL - Probabilmente il miglior talento esploso agli occhi del grande pubblico nella rassegna sudafricana. Nonostante quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così.

P come PAUL - L’infallibile polpo crucco scampato al fritto di paranza nonostante abbia azzeccato anche l’eliminazione della Germania. Stoico.

Q come QUARTI DI FINALE - C’erano anche Paraguay, Ghana e Uruguay, sono state eliminate le potenze Brasile e Argentina: un Mondiale democratico.

R come ROONEY - Rooney, ma anche Ronaldo, Ribery, Messi e Kakà. Stelle che non hanno brillato, anzi si sono offuscate nel momento meno adatto. A loro, si potrebbe aggiungere Fernando Torres campione del mondo sì, ma senza sorriso.

S come SNEIJDER - Al di là dell'esito finale, è stato il suo Mondiale, così come è stata la sua stagione. Non male, per uno scarto del Real che nemmeno era la prima scelta dell’Inter (che voleva Hleb).

T come TITOLI - Non quelli di Mourinho, ma quello dell’Equipe del 19 giugno: ovvero come interpretare con le parole di altri il pensiero di tutti.

U come URUGUAY - Per tradizione, la Celeste gioca un Mondiale memorabile ogni vent’anni: vittoriosa nel ’30 e nel ’50, semifinalista nel ’70, eliminata dai padroni di casa dell’Italia nel ’90, agli ottavi. Appuntamento nel 2030.

V come VUVUZELAS - Cos’altro dire delle trombette africane che già non sia stato detto della peste?

Z come ZAKUMI - Il leopardo verdecrinito mascotte di Sudafrica 2010, pronto ora a passare il testimone al suo successore: appuntamento per Brasile 2014. Un altro continente, un'altra mascotte, un nuovo Mondiale. Senza vuvuzelas.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky