Caricamento in corso...
28 giugno 2014

Spremuti dal campionato: non è un Mondiale per grandi club

print-icon
bra

Thiago Motta, uno dei più in difficoltà sul piano atletico tra i giocatori della Nazionale vista in Brasile (Getty)

La statistica dopo la fase a gironi parla chiaro: i grandi campionati europei sono più una zavorra che una palestra. In media, i giocatori che militano tra Liga, Serie A, Bundesliga, Premier e Ligue 1 hanno raccolto meno di cinque punti in tre gare

di Stefano Rizzato

A logica, sarebbero la palestra ideale verso i Mondiali. Ma la verità è che anche troppa palestra fa male. E così i cinque grandi campionati d’Europa – Serie A, Premier, Liga, Bundesliga e Ligue1 – hanno finito per penalizzare i giocatori che vi militano. Arrivati all’appuntamento con le loro nazionali e con il caldo brasiliano già sfiancati da troppe partite e sfide decisive. E non sarà un caso, allora, che tra le prime eliminate ci siano anche “big” come Spagna, Inghilterra e Italia.

Il metodo – Per dare un voto ai vari campionati, abbiamo scomposto virtualmente le diverse Nazionali e abbiamo riassegnato tutti i giocatori ai club di provenienza. Poi abbiamo assegnato a ogni club i punti fatti dai loro giocatori durante la fase a gironi, in modo che – per esempio – Buffon e Pirlo hanno portato 3 punti ciascuno alla Juventus. Per ogni club, il totale è stato infine diviso per il numero di giocatori, ottenendo così la media punti.

Media scadente – La statistica parla chiaro: per i giocatori dei cinque grandi campionati di cui sopra, in media, sono arrivati meno di cinque punti sui nove disponibili nella prima fase. Al vertice restano Liga e Serie A, che sfiorano quota cinque. Male invece Premier e Ligue 1, come si vede nella tabella sottostante:

La classifca dei cinque principali campionati europei:
Liga                             4,98
Serie A                         4,88
Bundesliga                    4,40
Premier League             4,28
Ligue 1                         4,28

I club: bocciati Juventus, Roma e Milan – Anche guardando ai club si nota la stessa situazione. Nota bene: abbiamo selezionato solo quelli che hanno portato almeno cinque uomini al Mondiale. Al vertice, a punteggio pieno, c’è il Feyenoord di Rotterdam, poi il Tottenham, seguito da Porto, Bayern e Benfica. A parte quelli di Inter e Napoli – media di 6,37 e 6,17 punti per giocatore – i giocatori delle squadre italiane hanno stentato assai: 3,2 punti di media per quelli del Parma, 3,75 per quelli del Milan, 4 per i romanisti e 4,17 per gli juventini. Male anche i campioni d’Europa del Real, solo 5,08 in pagella nella prima fase. VEDI LA GALLERY

La classifca dei club:

1. Feyenoord Rotterdam   9,0
2. Tottenham Hotspur FC  7,5
3. FC Porto    6,89
4. FC Bayern Monaco     6,43
5. SL Benfica            6,4
6. FC Inter         6,37
7. Newcastle United FC     6,17
8. SSC Napoli           6,17
9. Paris Saint-Germain FC 5,9
10. AS Monaco          5,8
11. Arsenal FC           5,6
12. VfL Wolfsburg     5,43
13. Manchester City FC        5,4
14. Atletico Madrid  5,33
15. Borussia Dortmund       5,33
16. SS Lazio    5,14
17. Real Madrid CF   5,08
18. FC Basilea   5,0
19. Valencia CF         4,8
20. Chelsea FC          4,67
21. FC Zenit S.Pietroburgo  4,62
22. Olympiacos Piraeus FC 4,6
23. Galatasaray SK   4,4
24. FC Barcellona       4,31
25. Manchester United FC  4,28
26. Fenerbahce SK    4,2
27. Everton FC            4,17
28. Juventus FC         4,17
29. AS Roma  4,0
30. FC Schalke 04      4,0
31. AC Milan  3,75
32. Liverpool FC        3,4
33. Parma FC  3,2
34. Southampton FC 2,85
35. CSKA Moscow      2,33
36. FC Dynamo Moscow       2,28
37. FSV Mainz 05       2,0

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky