Caricamento in corso...
20 maggio 2014

Manaus allagata, crolli all'aeroporto. E Pelè va all'attacco

print-icon
man

Le forti piogge cadute lunedì fanno crollare una parte del tetto dell'aeroporto della capitale dell'Amazzonia, dove il 14 giugno prossimo l'Italia esordirà contro l'Inghilterra ai Mondiali. 'O Rei critica duramente i ritardi nei cantieri: che vergogna

Le forti piogge cadute dal pomeriggio di lunedì su Manaus hanno fatto crollare una parte del tetto dell'aeroporto della capitale dell'Amazzonia, dove il 14 giugno prossimo l'Italia esordirà contro l'Inghilterra ai Mondiali. Il nuovo terminal dell'aeroporto internazionale Eduardo Gomes, inaugurato il 15 gennaio scorso in vista del Mondiali, è stato allagato dalla pioggia, afferma la stampa locale. La parte crollata è nella zona arrivi, vicino ai bagni, precisano le fonti. La presidente Dilma Rousseff ha detto che gli aeroporti brasiliani "sono preparati" a ricevere i tifosi che verranno a vedere i Mondiali in Brasile.

La rabbia di Pelè - "E' inaccettabile che alcuni stadi non siano ancora stati completati. Abbiamo avuto molti anni a disposizione, un numero più che sufficiente. E' una vergogna". Pelè, la leggenda del calcio brasiliano, critica duramente i ritardi nella costruzione degli stadi per la Coppa del Mondo che inizia tra 23 giorni nel suo Paese. I principali problemi sono alla Corinthians Arena di San Paolo, lo stadio che ospiterà la partita inaugurale il 12 giugno. I lavori sono stati sospesi più volte per gli incidenti che hanno ucciso tre operai. Pelè è molto duro con gli organizzatori e comprensivo invece nei confronti dei manifestanti, che contestano i Mondiali. "Capisco queste persone e le loro motivazioni, a loro va il mio sostegno, a condizione che protestino pacificamente".

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky