Caricamento in corso...
29 maggio 2014

Lippi a Coverciano: "Tifo Pepito. Il gruppo ricorda il mio"

print-icon

L'ex ct della Nazionale, campione del Mondo nel 2006, ha fatto visita al ritiro della Nazionale. Parole al miele per Rossi: "Pentito di non averlo portato in Sudafrica". Sulla squadra: "Prandelli l'ho trovato motivato. Balotelli e Cassano? Li ho salutati"

“Io tifo per tutti gli azzurri, ma per Giuseppe Rossi lo faccio in modo particolare”. Marcello Lippi, ct dell’Italia ai Mondiali 2006 e 2010, ha raggiunto la Nazionale in visita a Coverciano. “Ho parlato con Giuseppe e gliel’ho detto: l’unica decisione di cui mi pento, nella mia avventura azzurra, è non averlo portato al Mondiale in Sudafrica”. Su Balotelli e Cassano: “Non entro in certe cose… Ho salutato tutti, anche loro”.



“Ambiente emozionante. Occhio alla Germania” - “Chi vedo favorito al Mondiale? Mi stuzzica la Germania ma bisogna stare attenti anche al Brasile. Vedo un’Italia che ha molte similitudini con quella che ho avuto in Germania. Sarà fondamentale arrivare al massimo della condizione fisica ed essere pronti psicologicamente ad un impegno molto importante”. L’ex allenatore della Nazionale ha proseguito: “Sono arrivato in Italia ieri per venire a trovare la mia famiglia ed ho pensato di venire a fare questo saluto. E’ stato molto emozionante rivedere quest’ambiente e tante persone che conosco - ha spiegato Marcello Lippi -. E’ un’Italia Balotelli dipendente? Sono cose che non voglio toccare e non mi spettano. Ho parlato con Prandelli, l’ho trovato molto motivato e gli ho augurato buona fortuna per un Mondiale che vedrà l’Italia protagonista”.

Lippi, il tifo è per Pepito - L’ex ct azzurro ha parlato anche di Giuseppe Rossi, la cui presenza al Mondiale sarà decisa solo dopo l’amichevole di sabato. “Faccio il tifo per tutti gli azzurri, ma in maniera particolare per Giuseppe Rossi, per la sua classe, la sua bravura, la sua generosità di raggiungere questo importante obiettivo. Mi sono pentito, e gliel’ho detto di persona, di non averlo portato al Mondiale in Sudafrica. E’ l’unica volta che mi sono pentito di una scelta fatta”. Lippi ha voluto anche ricordare la stagione della Juventus, del suo tecnico Conte e di quanto fatto da Simeone con l’Atletico Madrid. “Simeone è stato straordinario, il più bravo di tutti. Io comunque faccio il tifo per Conte. Vorrei che diventasse il Ferguson della Juventus perché rappresenta la juventinità del club e dei tifosi. Però ora deve cominciare a vincere anche qualcosa in Europa”.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky