Caricamento in corso...
11 giugno 2014

GIRONE B, AUSTRALIA: un salto al Mondiale... e torno a casa?

print-icon
aus

LA SCHEDA. I Socceroos sembrano destinati a tornare presto nella terra dei canguri. Il girone con Spagna, Olanda e Cile è quasi una condanna: uscire con onore può già essere un obiettivo

I PRECEDENTI AI MONDIALI
L'Australia è alla sua quarta partecipazione ai Mondiali, la terza consecutiva. Nel 1974 e nel 2010 eliminata al primo turno (in Sudafrica a causa della differenza reti, che premiò il Ghana); nel 2006, invece, la sua corsa si fermò agli ottavi, a causa del rigore di Totti al 95°.

COME SI È QUALIFICATA E DOVE PUÒ ARRIVARE
Arriva in Brasile dopo essere giunta seconda nell'ultimo girone di qualificazioni asiatico, alle spalle del Giappone. Visto il girone, sembra destinata a tornare immediatamente a casa. Speranze di superare la prima fase quasi inesistenti.

LA STELLA: Tim Cahill


Dopo anni trascorsi in Inghilterra tra Championship e Premier (7 al Millwall e 8 all'Everton), si è trasferito ai New York Red Bulls nel 2012. Celebre la sua esultanza dopo i gol (33 in 69 gare con la Nazionale), quando finge di prendere a pugni la bandierina del calcio d'angolo, come un pugile con il sacco.

L'ALLENATORE: Ange Postecoglou
Ct dall'ottobre 2013, il tecnico greco-australiano (nato ad Atene ed emigrato a Melbourne a 5 anni) è stato anche selezionatore della under20, oltre a diverse esperienze in patria: South Melbourne (con cui ha vinto 2 titoli da giocatore e 2 da allenatore), Brisbane Roar e Melbourne Victory. Ex-difensore, vanta una manciata di presenze in Nazionale.

CURIOSITÀ MONDIALI
  • Socceroos, il soprannome dei giocatori della Nazionale australiana, deriva dalla fusione delle parole "soccer" (calcio) e "kangaroos" (canguri).
  • Thomas Oar, ala sinistra dell'Utrecht, ha debuttato in Nazionale nel 2010 contro l'Indonesia. In quell'occasione indossò la maglia numero 121.
  • Il record di gol realizzati in una sola partita è appartenuto a lungo a un australiano: Archie Thompson, nella gara valida per le qualificazioni al Mondiale 2002 contro Samoa Americane, segnò 13 reti. La partita finì 31-0. Il primato fu superato nel 2007 da Panagiotis Pontikos, che ne realizzò 16 in una partita di terza divisione del suo Paese.
  • L'Australia si qualificò al Mondiale 2006 vincendo il play-off contro il favorito Uruguay. 1-0 per i sudamericani all'andata, 1-0 Australia al ritorno. Protagonista divenne il portiere Mark Schwarzer, che parando 2 tiri della serie di rigori qualificò i suoi. Agli ottavi, sul rigore di Totti, però, non potè nulla.
  • In occasione di quel rigore, con cui l'Italia iniziò il suo cammino trionfale verso la Coppa, Francesco Totti ha confessato di essere stato tentato dal "cucchiaio". Scelse poi una conclusione a incrociare fortissima, praticamente sotto l'incrocio dei pali.
  • Clamorosa, sempre nel 2006, la svista arbitrale di cui fu "vittima" l'Australia: nella partita contro la Croazia, l'arbitro Poll ammonì per tre volte Simunic, estraendo il cartellino rosso solo al terzo giallo.

COME GIOCA
Diversi ritiri eccellenti (come quello dell'ex-capitano Lucas Neill o dell'attaccante Harry Kewell) e l'infortunio al ginocchio di Robbie Kruse del Bayer Leverkusen hanno indebolito una rosa già di per sè poco competitiva. Ci si aggrappa così all'esperienza di Cahill e di Mark Bresciano (un buon passato in Italia tra Empoli, Parma, Palermo e Lazio) con tanti dubbi tattici legati al reparto offensivo, molto impoverito. Probabile il ricorso a una folta mediana con una sola punta in avanti.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky