Caricamento in corso...
13 giugno 2014

L'Italia a Manaus, Prandelli: "Vincere all'esordio dà forza"

print-icon

Gli Azzurri sono arrivati in Amazzonia, dove si trova già la nazionale inglese. De Sciglio fuori per infortunio, ma il suo Mondiale continua. Verratti titolare, Balotelli unica punta. il ct: "Prima gara mai decisiva"

L'Italia è atterrata a Manaus, dove affronterà l'Inghilterra, nella sfida d'esordio dei Mondiali in Brasile, valida per il Gruppo D di qualificazione. L'aereo della Nazionale, che era decollato alle 10,30 (ora dello Stato di Rio de Janeiro) dall'aeroporto militare di Mangaratiba, è atterrato dopo tre ore e mezzo circa di volo nella capitale dello Stato dell'Amazzonia (di -60' il fuso fra il sud e il nord del Brasile).

E'con la squadra anche Mattia de Sciglio, vittima di un infortunio muscolare in allenamento, che lo costringe a rinunciare alla prima contro l'Inghilterra, mentre rientrano in Italia Mirante e Ranocchia. In difesa Chiellini si sposta a sinistra, mentre al centro è pronto Paletta. Questa la formazione di Prandelli per l'esordio in Brasile:



Dopo la doppietta nel 3-1 dell'esordio contro la Croazia, SuperMario ha esaltato Neymar sul web: "Crack! @neymarjr ! Hermano! Bravo!" le parole con cui l'azzurro ha accompagnato la foto postata su Instagram.



Le parole di Prandelli - "La storia insegna che non sono mai decisive le prime partite dei Mondiali come USA '94 o la Spagna che in Sudafrica ha vinto il titolo, ma ha perso all'esordio con la Svizzera. Non sono decisive, ma hanno un'importanza straordinaria per la forza straordinaria che puoi avere da un risultato positivo". Cesare Prandelli guarda con fiducia all'esordio dell'Italia con l'Inghilterra. "Le sensazioni sono ottime, abbiamo lavorato in maniera mirata per arrivare pronti fisicamente e mentalmente a questo appuntamento".

A Balotelli, come agli altri azzurri, chiede di avere "un carattere deciso, ma sempre leale". Quanto al mondiale la responsabilità si sente "ma sapremo onorare al meglio la nostra maglia". In cosa sorprenderà l'Italia? "Mi auguro per la capacità di stare in partita, sempre, e di fare emergere la qualità dei nostri giocatori più tecnici".

Quanto agli inglesi il ct spiega che "hanno 4 giocatori in fase offensiva bravi nell'uno contro uno, dovremo essere bravi ad attaccare gli spazi, ed essere altrettanto bravi a giocare con i due reparti vicini. Se sono al Mondiale è perché hanno meritato di esserci e sono convinto che saranno all'altezza". Il Paese si aspetta sempre qualcosa di importante dall'Italia del pallone. "E' da quattro anni a questa parte che quando la Nazionale gioca e si gira il mondo abbiamo questo senso di responsabilità - spiega Prandelli -. E' chiaro che in un mondiale è tutto molto più amplificato. Sapremo onorare al meglio la nostra maglia". Pirlo e Gerrard il meglio di questo mondiale? "Si, sono due giocatori che hanno rappresentato per un decennio la loro Nazionale e sono un riferimento per tutti i giovani".

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky