Caricamento in corso...
19 giugno 2014

Prandelli: serve un'altra vittoria. Balo: voglio il Mondiale

print-icon

Il ct alla vigilia di Italia-Costa Rica non scioglie i dubbi su Barzagli e Buffon, che però ci sarà, ma avvisa: "Siamo pronti, non abbiamo scuse, il caldo non ci può fare paura". SuperMario: "Per me è scattato qualcosa di speciale"

LA PROBABILE FORMAZIONE

"Siamo pronti, non abbiamo scuse: il caldo non ci può fare paura, l'unica preoccupazione è l'avversario. Ma per forza di cose dobbiamo cercare un'altra vittoria". Lo ha detto Cesare Prandelli, alla vigilia di Italia-Costarica. "Ci sono ancora piccoli dubbi, decidiamo solo domani". Cesare Prandelli non scioglie le riserve su Buffon e Barzagli. "Gigi - ha detto del portiere - ha fatto tre ottimi allenamenti: la caviglia ha ancora un lieve gonfiore, se reagisce bene all'allenamento ci sarà". Barzagli "dopo i problemi di ieri oggi sta meglio, ma valuteremo domattina".

"L'eliminazione della Spagna? Non entro nel merito per il rispetto che ho nei confronti di questa squadra". Così Cesare Prandelli ha commentato l'uscita dal Mondiale dei campioni in carica. "Hanno pagato la fatica del campionato e delle coppe - ha concluso Prandelli - ma vedrete, tra due mesi torneranno protagonisti".

La carica di Balotelli -
"Sì, qui al Mondiale in Brasile per me è scattato qualcosa di speciale: è la competizione più importante che esista, per me vale più di un Pallone d'oro, e ovviamente di una Champions o di uno scudetto". Sono state le prime parole di Mario Balotelli in conferenza stampa. "Io penso al Mondiale e sono concentrato al 100% sul Mondiale, quello che verrà dopo vedremo, non so niente" ha aggiunto SuperMario sul suo futuro. "Io al fianco di Neymar o Messi? Non mi interessa essere una star, io voglio vincere il Mondiale". E' il sogno di Balotelli alla vigilia di Italia-Costa Rica. "Chi può arrivare in finale? L'importante è che ci arriviamo noi", ha aggiunto l'attaccante azzurro.

Allenamento all’ora della partita
- Gli azzurri in campo all'Arena Pernambuco all'ora della partita di domani, contro la Costarica. La nazionale è arrivata in tarda mattinata a Recife con il charter proveniente da Rio, e subito si è trasferita allo stadio per l'allenamento della vigilia, e i giocatori sono scesi in campo attorno alle 12.25, prolungando il lavoro fin oltre le 13, ovvero l'orario del fischio d'inizio domani. La temperatura era di 29 gradi, il cielo parzialmente nuvoloso. Nei giorni scorsi l'Italia aveva sollecitato la Fifa ad adottare i time-out per la partita di domani, in considerazione delle condizioni climatiche. 

Gli azzurri spingono per i time-out - "Dateci i time-out", perchè in queste condizioni è difficile giocare. E' il messaggio dei giocatori azzurri, recapitato direttamente alla Fifa. A bordo campo del terreno di gioco dell'Arena Pernambuco, durante una pausa dell'allenamento alla vigilia di Italia-Costarica, alcuni giocatori guidati da Giorgio Chiellini si sono intrattenuti col delegato medico della Fifa, che domani dovrà decidere sull'adozione delle due pause da 3' per tempo sulla base delle condizioni climatiche. Il delegato medico della Fifa aveva un termometro per valutare la temperatura a bordo campo, e a quanto emerge l'orientamento sarebbe a non concedere i time-out in queste condizioni. I giocatori hanno parlato per alcuni minuti con il responsabile della decisione, e a un certo punto Thiago Motta ha asciugato il sudore sulla sua fronte con la mano, come a dire: vedi, se sudi tu ora...

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky