Caricamento in corso...
22 giugno 2014

Segna Origi, Russia battuta: il Belgio va agli Ottavi

print-icon

Un gol del giovane attaccante del Lille, classe 1995, regala il successo ai Diavoli Rossi che passano il turno grazie all'1-0 del Maracanà. La squadra di Capello gioca meglio ma perde ed è a un soffio dall'eliminazione

BELGIO-RUSSIA 1-0
88' Origi

Guarda la cronaca del match


GUARDA LE PAGELLE

Onestamente non è il risultato più giusto. La vittoria del Belgio non rende giustizia a una Russia che ha fatto il suo, dimostrando, nella ripresa, di poter conquistare il successo al cospetto di una squadra più attrezzata sulla carta ma che in campo non ha dimostrato ancora tutto il suo valore nonostante fosse chiamata a migliorare rispetto a quanto fatto vedere nella gara d'apertura vinta faticosamente contro l'Algeria. Eppure la squadra di Wilmots stacca il biglietto per gli Ottavi grazie a due gare vinte nei minuti finali. Vero è che la Russia di Capello non è squadra semplice da affrontare ma un avversario ostico che induce la controparte a giocare male, a forzare le soluzioni e le scelte offensive e, in fase difensiva, a prestare molta accortezza.

Singoli e collettivo - Se la nazionale di Wilmots, non riuscendo a proporre un gioco di squadra dinamico ed efficace, ha puntato di più sui singoli, la Russia, che non ha grandi talenti in grado di decidere le partita, ha fatto del collettivo l'arma capace di frenare la fame dei Diavoli Rossi per lunghi tratti. Mertens e De Bruyne ci hanno provato nel primo tempo a dare la scossa ma non sono riusciti a impensierire Akinfeev, anello debole (dopo la papera con la Corea) della catena difensiva di Capello.

Chi li ha visti - E tra i belgi ha deluso, ancora una volta, Romelu Lukaku. L'attaccante di proprietà del Chelsea (in prestito all'Everton nell'ultima stagione) non è mai riuscito a rendersi pericoloso, confinato nel ruolo, a lui poco adatto, di centravanti boa, non ha mai trovato lo spazio per giocare faccia alla porta per sprigionare tutta la sua potenza in progressione. Tardivo ma efficace, invece, l'apporto di Hazard risvegliatosi solo nel finale dal torpore che lo aveva colto per tutta la gara e decisivo nell'azione che ha regalato il successo ai Diavoli Rossi.

Belgio...vane - Nella mischia è spuntato Origi, giovanissimo talento classe 1995 del Lille, convocato a sorpresa ma necessario dopo l'infortunio a Benteke per avere una seconda scelta da alternare al sinora deludente Lukaku. Il ragazzo ha ripagato la fiducia regalando alla sua squadra il passaggio del turno.

Capello beffato
- Eppure il match ball per aggiudicarsi la partita lo aveva avuto proprio la Russia ma Kokorin ha sprecato malamente di testa una palla d'oro a pochi metri da Courtois. Che il Belgio avesse accelerato nel finale lo ha dimostrato il palo colto su punizione da Mirallas, poi è arrivato il gol decisivo. Una beffa per Fabio Capello. Belgio agli Ottavi, Russia quasi fuori dal Mondiale.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky