Caricamento in corso...
26 giugno 2014

Il Belgio non fa sconti: in 10 batte la Corea ed è primo

print-icon
ver

L'esultanza di Vertonghen dopo il gol vittoria contro la Corea del Sud (Getty Images)

Nel gruppo H la squadra di Wilmots, in 10 dal 45' per il rosso a Defour, vince la terza partita su tre grazie al gol del capitano di serata Vertonghen. Asiatici eliminati, troppo sterili nonostante la superiorità numerica. Agli ottavi sarà Belgio-Usa

COREA DEL SUD-BELGIO 0-1
78' Vertonghen

Guarda la cronaca del match


GUARDA LE PAGELLE

La classifica del Gruppo H: Belgio 9 punti (+3), Algeria 4 (0), Russia 2 (-1), Corea del Sud 1 (-3).

La Corea del Sud doveva vincere con due gol di scarto e sperare nella vittoria della Russia sull'Algeria per passare il turno. Niente di tutto questo si è verificato: gli asiatici vengono eliminati, ma soprattutto il Belgio chiude a punteggio pieno il girone, nonostante una partita non brillantissima e nonostante la squadra di Wilmots abbia giocato con un uomo in meno per tutto il secondo tempo.

A decidere il match una rete del capitano, per l'occasione data l'assenza di Kompany, Jan Vertonghen: il difensore del Tottenham, schierato terzino sinistro, ha trafitto di sinistro il portiere coreano Kim Seung-Gyu al 77', respingendo un tiro dell'ottimo Origi, entrato nella ripresa e in grado, ancora una volta, di cambiare l'inerzia del match. Qualche dubbio, a dire la verità, sulla posizione di Vertonghen, al momento del tiro.

Wilmots ha utilizzato un massiccio turnover, togliendo Mertens dopo un'ora e concedendo ad Hazard solo i tre minuti finali. Proprio il giocatore del Napoli è stato protagonista di un clamoroso errore sottoporta nel primo tempo. Al 45' l'episodio che poteva cambiare il match: Defour espulso dopo un inutile e pericoloso intervento col piede a martello direttamente sulla gamba di Kim Shin-Wook.

La forza del Belgio è quella di rimanere fedele a se stesso anche nonostante l'inferiorità numerica: nella ripresa, infatti, la Corea opera un forcing nei primi dieci minuti, ma la sterilità delle punte è quasi imbarazzante. Per paradosso, l'unica occasione arriva grazie ad un cross sbagliato di Son, che sbatte sulla traversa. I cambi di Wilmots (dentro Chadli e Origi) danno al Belgio brillantezza nelle ripartenze. E così sotto gli occhi del re Filippo e della Regina Matilde la nazionale belga fa ancora una volta una bella figura, regalandosi il primo posto a punteggio pieno e l'ottavo di finale con gli Stati Uniti di Klinsmann. Per la Corea non arriva nemmeno il gol della bandiera, nonostante un fiero assalto finale.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky