Caricamento in corso...
27 giugno 2014

In 4 a punteggio pieno. Ma per l'Italia resta solo Rizzoli

print-icon
col

La Colombia, prima a punteggio pieno nel gruppo C. Affronterà l'Uruguay agli Ottavi (Getty)

IL PUNTO . Top e flop dell'ultimo turno della fase a gruppi, con le sorprese di Grecia e Algeria. Olanda, Colombia, Argentina e Belgio a 9 punti. Capello e Zac a casa. Ma anche Suarez...GUARDA I TOP GOL DELLA PRIMA FASE

di Lorenzo Longhi

Sei europee, cinque sudamericane, tre americane e due africane: ecco, per continente, l'elenco delle 16 qualificate agi Ottavi di finale di Brasile 2014, al termine della terza giornata, l'ultima, della fase a gruppi, non priva di colpi di scena.

La partita: Grecia-Costa d'Avorio 2-1 - Un rigore nel recupero e la qualificazione cambia segno: non gli ivoriani di Drogba, ma una Grecia senza assi, squadra su cui davvero in pochi avrebbero puntato. Prima qualificazione di sempre agli ottavi per gli ellenici.



La sorpresa: Algeria - Debutterà agli ottavi di un Mondiale anche l'Algeria di Halilhodzic che, con i suoi numerosi naturalizzati, ha ottenuto una splendida qualificazione. Sconfitta di misura solo dal Belgio.



Il craque: Neymar - Sinora O'Ney non ha deluso e c'è molto del suo nella qualificazione agli ottavi della Seleçao. Per essere l'uomo più atteso, l'inizio è promettente. Urgono conferme ora che il gioco si fa duro.



Il gol: Villa - Il tacco più forzato di sempre: contro l'Australia avrebbe semplicemente potuto appoggiare il pallone in rete, con facile efficacia, ha scelto invece di dire addio alla Roja e ai Mondiali con inutile leziosità.



Top e flop: 4x9, italiani fuori - 9 punti su 9 per Olanda, Argentina, Colombia e Belgio, uniche a punteggio pieno. Tricolore ammainato: fuori (e male) l'Italia, Zaccheroni (Giappone) e Capello (Russia). Resta solo l'arbitro Rizzoli.



L'istantanea: la disperazione di CR7 - Pallone d'Oro e campione d'Europa in carica, Cristiano Ronaldo è stato tutto fuorché decisivo in Brasile. Proprio mentre il rivale Messi trascinava l'Argentina a suon di gol...



La curiosità: gli inni di Klinsmann - Quello tedesco o quello statunitense? Per il ct Usa nessun dubbio: li ha cantati con convinzione entrambi. Un cuore, due patrie.



Il caso: la squalifica di Suarez - Quando, per commentare il secondo turno della fase a gruppi, avevamo parlato del segno di Suarez, non intendevamo certo quello deila sua arcata dentale sulla spalla di Chiellini. Talento decisivo, e decisiva in negativo sarà probabilmente anche la sua follia.



La frase: Abete - "È stato fatto il massimo in confronto a quello che oggi è il nostro calcio". Amen.

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky