Caricamento in corso...
29 giugno 2014

Costa Rica nella storia: va ai Quarti, Grecia fuori

print-icon
cos

La Costa Rica ai Quarti di finale della Coppa del Mondo (Foto Getty)

Regolamentari e supplementari chiusi sull'1-1. Partita decisa ai rigori, con l'errore di Gekas e la rete di Umana che manda i Ticos, in dieci per 55 minuti, avanti nella Coppa del Mondo

COSTA RICA-GRECIA 1-1 / 6-4 dcr
52' Ruiz (C), 84' Papastathopoulos (G)

RIGORI:
Borges (C) - GOL
Mitroglou (G) - GOL
Ruiz (C) - GOL
Christodoulopoulos (G) - GOL
Gonzalez (C) - GOL
Holebas (G) - GOL
Campbell (C) - GOL
Gekas (G) - PARATO
Umana (C) - GOL

Guarda la cronaca del match



GUARDA LE PAGELLE


La Costa Rica non si ferma più. Dopo aver messo sotto tre squadre campioni del mondo nella fase a gironi, la squadra centramericana, pur a fatica, ha fatto fuori la Grecia, campione d'Europa proprio 10 anni fa, e per la prima volta nella sua storia accede ai quarti di finale, dove affronterà l'Olanda di Robben. Decidono i rigori dopo l'1-1 al 120' con i greci in rimonta. L'errore di Gekas dagli undici metri è determinate, quello di Umana fa esplodere la gioia dei Ticos e dei tifosi presenti al Pernanbuco di Recife. Il sogno continua.

Primo tempo -
La Costa Rica scende in campo per la prima volta da favorita nel Mondiale. La Grecia col passare dei minuti ne approfitta. Le squadre rivelazione della fase a gironi di Brasile 2014, si giocano un pezzo di storia (nessuna delle due è mai stata ai Quarti di finale nella fase finale della Coppa del Mondo), ne nasce una partita chiusa che così chiusa non si può. Ci prova Bolanos all’8° minuto liberato da un passaggio filtrante di Ruiz: palla alta. La Grecia, però, prende coraggio e quattro minuti dopo Christodoulopoulos lascia partire un gran destro da fuori area: palla che finisce due metri fuori. Nei minuti successivi le cose si capovolgono: la Grecia tiene più palla, la Costa Rica prova a ripartire. Gli spazi, però, sono pochi. Al 37’ Holebas serve dall’altra parte Salpingidis che calcia a botta sicura: Navas si supera e di piede salva il risultato. Si va negli spogliatoi sullo 0-0.

Il "giustiziere" - Come contro gli Azzurri, i Ticos fanno il primo vero tiro in porta al ’52. E segnano. Il marcatore è sempre lo stesso: Bryan Ruiz. Il solito Bolanos scende sulla sinistra e mette in mezzo: l’esterno raccoglie e con un colpo da biliardo indirizza la sfera dolcemente verso il secondo palo della porta di Karnezis, immobile. Palla all’angolino e scena che conosciamo bene: Pinto scatenato, e Ruiz che allarga le braccia per festeggiare.

L’ingenuità – Fernando Santos lancia bomber Mitroglu per una squadra super offensiva. A riaprire le cose ci pensa Duarte. Il difensore costaricano, di proprietà del Bruges, già ammonito, stende il pericolosissimo Holebas che se ne era andato sulla sinistra e lascia i suoi compagni in 10.

Grecia all’attacco
– La Grecia ci prova con Samaras dalla sinistra: dopo un paio di dribbling il numero 7 mette la palla in mezzo ma Navas in due tempi esce ed anticipa Mitroglou e Gekas appostati sul secondo palo. E’ a questo punto che Jorge Pinto inserisce un difensore (Acosta), per l’esterno Gamboa. Il ct greco, invece, ci prova con Katsouranis per Maniatis provando a mettere centimetri in area e svettare sul gioco aereo. Gli ellenici ci provano ma è ancora Navas a evitare problemi e a chiudere lo specchio della porta su Mitroglu, all’87esimo dopo un cross insidiosissimo di Christodoulopoulos.

Il pareggio
– Quando meno te lo aspetti, nel primo minuto di recupero, l’ex Milan Papastathopoulos mette in rete una respinta di Navas su un diagonale di destro di Gekas: si va ai supplementari, dove la Grecia sfiora il 2-1 nel finale e il ct Santos viene espulso. Poi la lunga sequenza dei rigori che premia i Ticos.  

Streaming

Eur

GUARDA LE PARTITE

Segui la diretta streaming

Tutti i siti Sky