Caricamento in corso...
01 settembre 2016

De Laurentiis: "Nessuno si è rinforzato come noi"

print-icon
de_

Il presidente del Napoli soddidfatto dal mercato estivo: "Siamo la squadra europea che in prospettiva si è rafforzata di più". La cessione di Higuain ha cambiato le strategie del club: "Nei contratti abbiamo inserito una clausola in base alla quale il calciatore potrà essere ceduto solo all'estero, per non meno di tot milioni"

Fra tutte le squadre d'Europa nessuna è pari al Napoli, per quello che è stato fatto nella sessione di Calciomercato appena conclusa. Ne è convinto Aurelio De Laurentiis, non solo per la quantità del denaro investito, ma anche per il tipo di giocatori - già affermati ma tutti molto giovani - che sono stati messi a disposizione di Maurizio Sarri. "Siamo la squadra europea che in prospettiva si è rinforzata di più - dice, in un'intervista a Radio Kiss Kiss -. Abbiamo speso complessivamente tra i 140 e i 150 milioni. Al costo dei cartellini dei calciatori acquistati, vanno aggiunti i bonus che per tutti sono abbastanza facili da raggiungere, inoltre un'altra ventina di milioni per gli ingaggi aumentati a quelli che già c'erano. Con un maestro come Sarri in panchina il materiale umano che gli abbiamo messo a disposizione è esplosivo".

La lezione Higuain - La linea guida della campagna di compravendita che ha ispirato De Laurentiis è stata condizionata da quanto accaduto con Higuain. "Nei contratti di tutti i nuovi acquisti del Napoli - rivela il presidente - c'è una clausola rescissoria che prevede anche possano essere trasferiti solo a società estere. Dopo l'iniziativa della Juventus con Higuain, che ci ha fatto girare un po' le scatole, abbiamo capito che non si finisce mai di imparare. Così nei contratti abbiamo inserito una clausola in base alla quale il calciatore potrà essere ceduto solo all'estero, per non meno di tot milioni".

La scelta di Milik - De Laurentiis entra nello specifico della campagna acquisti quando parla di Arkadiusz Milik. "Non mi va di paragonarlo a Higuain. L'argentino aveva tutta la squadra che giocava per lui, adesso tutti giocheranno per la squadra. Quanto a Gabbiadini è incedibile, perche' ha trovato una eccezionale sintonia con il nostro allenatore e so che Sarri è un grandissimo e laborioso scultore di schemi e di tattiche e crediamo che tirerà fuori il meglio da lui".

La difesa azzurra - "In difesa - dice De Laurentiis - ci siamo rinforzati non perché ne avessimo assoluto bisogno, ma perché quest'anno c'è la Coppa d'Africa, una manifestazione sulla quale la Fifa dovrebbe intervenire perché inquina i tornei nazionali, che terrà lontani per un bel po' di tempo Koulibaly e Ghoulam". Il presidente, poi, chiarisce la sua posizione sul turn-over che con una rosa così ampia Sarri sarà quest'anno quasi costretto ad attuare. "Gabbiadini, Insigne e tutti gli altri non si devono adombrare se giocano meno. L'importante è vincere. Quello che i giocatori del Napoli devono capire è che la squadra è fatta da 24 elementi e deve giocare chi è più in forma o chi è più adatto ad incontrare una determinata squadra. Anche chi gioca solo 20 minuti e segna casomai un gol è pienamente partecipe della vittoria".

E a gennaio... -  Come se non bastasse quanto fatto in estate, De Laurentiis si dice già pronto, in caso di necessità, ad intervenire anche a gennaio sul mercato. "Adesso cominciamo a lavorare su gennaio - dice - in modo da non arrivare impreparati, qualora ci fosse bisogno di qualche rinforzo. Non si può mai dire. Il cocomero per sapere se è buono, bisogna aprirlo". 

FANTAGIOCHI

fan

Fantascudetto

Gioca subito

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky