Caricamento in corso...
21 settembre 2016

Juve in testa, Napoli fermato. Roma, tutto facile

print-icon
juv

I giocatori della Juventus festeggiano il primato ritrovato dopo la vittoria con il Cagliari (Getty)

Nel primo turno infrasettimanale gli azzurri pareggiano contro il Genoa e cedono il primo posto alla Juventus, che batte facilmente per 4-0 il Cagliari. Stesso risultato all'Olimpico per i giallorossi sul Crotone. Conferma Inter, 2-0 sull'Empoli con il solito Icardi. Sassuolo battuto dal Chievo

La Juventus torna in testa alla classifica. I bianconeri approfittano del passo falso del Napoli che pareggia contro il Genoa e si portano a 12 punti. Gli azzurri sono l'unica grande che stecca: il prolifico attacco di Sarri è arginato dalla buona prestazione difensiva degli uomini di Juric. Contro il Cagliari tutto facile allo Stadium per i bianconeri, in vantaggio di tre reti già all'intervallo. Higuain torna in campo dal primo minuto e premia la scelta di Allegri con un gol. Alla fine il tabellino dice 4-0. Anche la Roma sul velluto in casa: poker anche per i giallorossi sul Crotone con doppietta di Dzeko e le reti di Salah ed El Sharaawy. L’Inter di De Boer si conferma dopo la bella vittoria contro la Juventus battendo 2-0 l'Empoli: sempre e soltanto Icardi che con una doppietta in meno di 10 minuti mette in cassaforte il match per i nerazzurri.

Juve e Roma in scioltezza. Napoli fermato , l'Inter si conferma con Icardi -  Tutto facile per la Juventus allo Stadium. Allegri schiera Hernanes titolare per far riposare Khedira. Higuain torna titolare. Un Cagliari decisamente fragile subisce dal primo minuto le iniziative dei bianconeri. Non basta un ottimo Storari – due grandi interventi in avvio – per arginare le offensive degli uomini di Allegri. Proprio su una respinta del portiere dei sardi il vantaggio bianconero con un tap-in di Rugani. Stesso copione per il 2-0 con Higuain che torna al gol da titolare. Al 39’ Dani Alves firma il 3-0. Il secondo tempo è puro esercizio con la partita che ha già detto tutto. All'83' Lemina provoca l'autorete di Ceppitelli e arrotonda ulteriormente il punteggio fissando il risultato sul 4-0.

A Roma è la partita del ritorno di Totti nell’11 titolare, per la prima volta nella seconda era Spalletti. I giallorossi si sbloccano dopo un lungo assedio alla difesa del Crotone con El Sharaawy al 26’, che firma il vantaggio con un piattone dall’interno dell’area. Dopo qualche brivido in fase difensiva scaccia i cattivi pensieri Salah con un sinistro potentissimo che fissa il risultato sul 2-0 al 38’. In avvio di ripresa una doppietta di Dzeko toglie ogni speranza al Crotone: al 48’ con un pallonetto dopo un delizioso assist di Totti, poi al 57’ con un facile appoggio su assist di Salah.

Il Napoli prova a scardinare in tutti i modi la difesa del Genoa, nel primo tempo colpisce una traversa con Hamsik e va vicinissimo al vantaggio con Milik. Il prolifico attacco azzurro – il migliore della serie A - sbatte contro la linea arretrata della squadra di Juric. I rossoblu devono fare i conti dal finale del primo tempo con l’infortunio di Pavoletti, out per un problema muscolare. Nella ripresa Sarri prova a inserire Zielinski e Insigne per sbloccarla, ma niente da fare. Il Genoa gioca un'ottima partita e crea più di un grattacapo al Napoli, e nel finale va vicinissimo al vantaggio: ci pensa Reina a dire di no.

L’Inter cercava certezze e sembra averle trovate nella partita contro l’Empoli. A trascinarla è sempre lui: Mauro Icardi. Nel giro di 8 minuti l’argentino firma un doppio vantaggio rassicurante per i nerazzurri. Prima di testa su assist di Candreva, poi solo davanti a Skorupski dopo la precisa verticalizzazione di Joao Mario. Icardi raggiunge Recoba tra i marcatori dell’Inter: 53 le reti segnate in maglia nerazzurra. Qualche disattenzione difensiva di troppo fa stare in ansia i tifosi nerazzurri,  nonostante il doppio vantaggio. L'Inter gestisce comunque il risultato e ottiene i tre punti con la propria porta inviolata per la prima volta in campionato.

Fiorentina fermata dall'Udinese, il Chievo batte il Sassuolo - E' pareggio tra Udinese e Fiorentina. Al 26’ vantaggio dei padroni di casa con Zapata, pareggio immediato dei viola con l’elegante tacco di Babacar sul cross di Tello. Al 45’ torna però in vantaggio l’Udinese con Danilo, in rete con un facile tap-in a porta vuota. Al 6’ della ripresa rigore per la Fiorentina per un fallo su Babacar: Bernardeschi riporta in parità la situazione. Il Sassuolo ancora privo di Berardi viene battuto a Verona dal Chievo. Al 21’ super gol di Rigoni con un gran destro sotto l’incrocio. Pareggio di Defrel al 28’, terzo gol in campionato per lui. La squadra di Maran torna avanti al 41’ con un colpo di testa di Castro, un vantaggio mantenuto fino al 90' che permette al sorprendente Chievo di raggiungere quota 10 punti, a soli due lunghezze dalla vetta.

Palermo di misura sull'Atalanta. Pari tra Pescara e Torino - Poco da dire su gran parte della partita di Bergamo, scialbo 0-0 tra Atalanta e Palermo fino al 44'. Poi una fiammata: Nestorovski la mette alle spalle di Berisha e regala la vittoria ai siciliani. Partita combattuta a Pescara con il Torino in 10 dal 45’ per un brutto fallo di Acquah che gli costa il secondo giallo, poi addirittura in 9 nel finale per l'espulsione di Vives. Tante emozioni negli ultimi minuti, un palo da entrambe le parti: per i padroni di casa Memushaj, per gli ospiti Belotti che rischia di portare in vantaggio i suoi in 9. Nel finale Biraghi divora il gol vittoria per il Pescara.

 

FANTAGIOCHI

fan

Fantascudetto

Gioca subito

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky