Caricamento in corso...
12 febbraio 2016

Allegri: Juve-Napoli da tripla, ma non decisiva per lo scudetto

print-icon

“A determinare chi vincerà saranno le 13 gare successive. Il mio futuro? Alla Juve". Così l’allenatore bianconero alla vigilia dello scontro al vertice. "Sarà una partita completamente diversa rispetto all'andata: il Napoli vinse per due nostri errori gratuiti ed alla fine potevamo pareggiare"

"L’attaccante argentino sta facendo il miglior campionato della carriera con una media gol straordinaria, se la terrà finirà a 40 gol. Sarà difficile marcarlo, ma il Napoli non è solo Higuain, c'è pure chi gli dà palla". Parla così Allegri  alla  vigilia della sfida al vertice. "Sono una squadra di grande levatura tecnica, a metà campo e in avanti hanno grande giocatori e stanno giocando bene anche come squadra. Higuain è il finalizzatore del gioco della squadra ma sono molto ordinati anche in fase difensiva. Poi il singolo esalta il collettivo e viceversa".

“Sarri ottimo allenatore”
- "Non ha bisogno dei miei complimenti, sta facendo cose straordinarie, nessuno se lo aspettava: quando è arrivato lo hanno massacrato, ma col lavoro ha dimostrato di  essere un ottimo allenatore. C'è solo da fargli i complimenti".

“Juve punta a quinto scudetto per la storia”
- "Lo scudetto a Napoli non so quanto può valere, so che se riusciremo a vincere il quinto scudetto di fila entreremo nella storia della Juve". Scrivere una pagina importante nella storia del club bianconero è l'obiettivo del tecnico bianconero. "Cinque scudetti la Juve li ha vinti solo negli anni 30, in questo momento è difficile vincerne così tanti di seguito, i ragazzi devono averlo ben chiaro: questo deve essere l'obiettivo che ci porterà fino alla fine della stagione. Deve esser chiaro quello che dobbiamo fare da qui al 16 maggio".

Formazione anti-Napoli
-  Per quanto riguarda l'undici anti da schierare al J-Stadium Allegri spiega: "Difesa a tre, difesa a quattro, quella che sarà, ho ancora due allenamenti per valutare e decidere anche su tutta la gestione della partita. Servirà equilibrio, pazienza e calma da qui alla fine del campionato. Zaza rientrerà dopo la squalifica, potrebbe essere della partita: o giocherà lui o Morata al fianco di Dybala. Khedira oggi proverà con la squadra e vedremo se sarà in condizione per giocare mentre Mandzukic,  Asamoah e Chiellini sono fuori. Caceres purtroppo ha finito la stagione. Gli altri stanno bene. Le assenze non mi preoccupano, mi spiace che non ci siano dei giocatori che mi obbligano a fare delle scelte. Siamo comunque in abbondanza e chi andrà in campo sarà in grado di fare una grande partita". Allegri passa poi a parlare del giovane Rugani che in molti vorrebbero vedere in campo: "E' bravo e giovane, è arrivato avendo 4 difensori davanti tra i più forti d'Europa, gli va dato il  tempo di crescere e di giocare. E' passato a un modulo molto diverso, non gli vanno messe pressioni addosso”, conclude il tecnico toscano.

“Futuro? Sto bene alla Juve”
- "Il futuro non destabilizza nessuno, sto bene qui. Il Chelsea? Non c'è niente di vero, cosa devo smentire?". Allegri torna a parlare delle voci che lo vogliono prossimo allenatore dei blues. "Siamo professionisti: i giocatori devono pensare a fare il loro lavoro ed io devo pensare alla Juve".

Juve-Napoli, la partita dei record

Tutti i siti Sky