Caricamento in corso...
06 marzo 2016

Allegri: "Napoli e Roma vicine, tutto si deciderà all'ultima giornata"

print-icon
evr

Patrick Evra e Massimiliano Allegri (Foto Getty)

L'allenatore della Juventus dopo la vittoria in casa dell'Atalanta: "Non era semplice con un campo non in perfette condizioni. Il futuro? Piena sintonia con la società". Barzagli: "Mi prendono tutti un po' in giro, perché non faccio mai gol, anche i dottori. Ma stavolta..."

"I ragazzi stanno facendo bene, delle ultime 18 partite ne abbiamo vinte 17 ma la seconda e la terza sono ancora vicine. Il campionato si deciderà all'ultima giornata". Così Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, dopo la vittoria a Bergamo. "Contro l'Atalanta non era semplice anche per il campo che non era in perfette condizioni - ha proseguito il tecnico -. Abbiamo fatto molto bene i primi 50 minuti poi siamo calati e su questo punto dobbiamo migliorare nella gestione del vantaggio. Abbiamo perso troppe palle, però è stata una bella vittoria".

Il futuro di Max - "Sono in piena sintonia con la società, ho ancora un anno di contratto e non vedo motivi per affrettare i tempi. Non ci sono problemi, sono alla Juve, sono in un grande club e dobbiamo pensare a vincere a fine anno", ha aggiunto Allegri. Quanto ai singoli, a parere dell'allenatore Pogba "ha fatto un bel primo tempo poi si è innervosito con l'ammonizione. Deve migliorare su questo, nessuna cosa deve scalfire un giocatore durante una gara, bisogna essere pronti a ogni evenienza: un cartellino giallo non può condizionare" mentre Lemina "puo' fare la mezz'ala perché è bravo negli inserimenti e può giocare anche davanti alla difesa ma deve migliorare in quella zona nella lettura delle azioni".

Barza-gol - "Questo successo è importante, fondamentale, perché da adesso in poi tutte le partite diventano decisive. Questo è un campo difficile e lo ha dimostrato, perché ci hanno messo sotto negli ultimi 20', prima del secondo gol. Siamo stati bravi, abbiamo anche sofferto e dobbiamo continuare così". Lo ha detto Andrea Barzagli, autore del primo gol della Juve a Bergamo.


Segno del destino? - "Non so se questo gol contro l'Atalanta sia un segno del destino, io non segno mai, ma penso solo a difendere. Oggi mi è andata bene, è una delle poche volte in cui vado su  ha proseguito il difensore -. Mi prendono tutti un po' in giro, perché non faccio mai gol, anche i dottori. Sono contento e, se vogliamo essere pignoli, non mi sono piaciuto molto nel difendere, ma sono contento per il gol".

La Champions - "Penso sia una cosa a parte - ha concluso Barzagli - alla quale dobbiamo pensare quando arriva. E' una cosa bellissima esserci e potersela giocare, però noi abbiamo il quinto campionato come obiettivo e, dopo una ricorsa come quella che abbiamo fatto, sarebbe splendido rivincerlo".

Tutti i siti Sky