Caricamento in corso...
20 marzo 2016

Il Crotone gioca a poker col Pescara e si riprende il primo posto

print-icon
esu

L'esultanza dei calabresi allo Scida (Foto LaPresse)

Il Crotone restituisce i quattro gol dell’Adriatico e torna in vetta alla classifica di B superando nuovamente il Cagliari, staccato di un punto. Il Pescara fa 2 gol, ma i calabresi sono sempre avanti. Per Oddo si allunga la striscia negativa: salgono ad 8 le giornate senza i tre punti

Crotone-Pescara 4-2

Marcatori: 5’ Dos Santos (C), 16’ Palladino (C), 27’ Lapadula (P),  Zampano (C), 52’ Ferrari (C), 66’ (rig.) Memushaj (P)

 

Squadre in campo nel posticipo domenicale della 32ma giornata di Serie B con lo stesso obiettivo, riscattare le ultime giornate storte. Il Crotone arriva dalla brutta sconfitta di sette giorni fa a Brescia, mentre il Pescara deve invertire la rotta dopo 7 giornate in cui ha messo insieme 3 pareggi e 4 sconfitte (di cui 3 nelle ultime 3 gare disputate), con ultima vittoria il 30 gennaio,  3-1 in casa sul Bari. A Juric ed Oddo, che pagano entrambi infortuni e squalifiche, servono punti per ribadire i sogni promozione e playoff.

 

La partita – Bastano 5 minuti per far saltare lo Scida: dal primo calcio d’angolo della partita nasce infatti la rete del vantaggio con il Pescara che lascia colpevolmente passare il pallone lungo tutta l’area piccola, ingannando anche Fiorillo. Dos Santos, da due passi, non si fa pregare e finisce sotto la curva rossoblù a festeggiare. Il Pescara prova a reagire, ma i calabresi fanno il bis. Minuto 16: Ricci in area si libera bene (toccando forse il pallone con un braccio) e lancia Palladino che batte Fiorillo. La squadra di Oddo prova a reagire con il capocannoniere Lapadula, ma il Crotone è attento anche in difesa. Fino al 27’, quando arriva il gol che riapre la partita: conclusione da fuori di Caprari, Lapadula devia, beffando Cordaz. I rossoblù incassano ma rispondono per le rime due minuti dopo con Palladino che manda in rete Zampano (Giuseppe, che batte così il gemello Francesco, difensore del Pescara). Il primo tempo si chiude sul 3-1- con il Pescara vicino al gol con Verre- una partita davvero ricca di gol ed emozioni, una gara sempre aperta che non può che confermare la vena realizzativa di entrambe le squadre.

 

Nessun cambio per Juric ed Oddo che insistono con gli undici del primo tempo. Parte meglio il Pescara che vuol provare a riaprire subito la partita e che si fa vedere subito in avanti con Lapadula. Ma è il Crotone che va davvero vicino al quarto gol con Zampano che manda di poco a lato. Trenta secondi dopo, sempre da calcio d’angolo, arriva la rete rossoblù con Ferrari che salta più in alto di tutti.  Ma non finisce qui: al 65’ Paro affonda in area Memushaj. Dal dischetto va lo stesso albanese che batte Cordaz. Gli abruzzesi provano a giocarsela fino all’ultimo con Pasquato, ma anche Palladino prova far cambiare ancora il risultato. Finisce 4-2 (all’andata terminò 4-1 per il Pescara) con il Crotone che ritorna dunque leader della classifica, rispondendo al Cagliari vittorioso sabato a Vicenza.  Abruzzesi fermi a 49 punti: la zona playoff è sempre più traballante.

 

Tutti i siti Sky