Caricamento in corso...
12 giugno 2009

Arrigo Sacchi: due talenti veri, ma il gioco non si compra

print-icon
arr

Arrigo Sacchi, grande maestro di calcio

L'ex ct della Nazionale giudica gli acquisti del Real: tutti sanno quanto sono determinanti l'ambiente, il gioco di squadra e le motivazioni per moltiplicare o ridurre le qualità dei singoli e le possibilità di successo

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIOMERCATO

"Il talento dei due fuoriclasse è fuori discussione, ma tutti sanno quanto sono determinanti l'ambiente, il gioco di squadra e le motivazioni per moltiplicare o ridurre le qualità dei singoli e le possibilità di successo. Tutto  inizia dalla persona e dal suo impegno nella ricerca dell'eccellenza". Arrigo Sacchi, dalle pagine della Gazzetta dello  Sport, prova a disegnare il nuovo Real Madrid che potrà schierare insieme Kakà e Cristiano Ronaldo. I due fuoriclasse "tecnicamente e fisicamente sono straordinari. Due talenti unici".

L'ex ct della Nazionale, però, evidenzia che "il calcio è uno sport di squadra dove il filo conduttore è il gioco, e questo non si  compra, si costruisce con le idee, l'armonia, il lavoro e l'impegno". Toccherà all'allenatore del Real, Manuel Pellegrini, far coesistere  le star in una squadra che annovera già altri elementi di primissimo piano. Il tecnico, dice Sacchi, "troverà la soluzione migliore, sempre che vi sia disponibilità e volontà dei giocatori".

Tutti i siti Sky