Caricamento in corso...
28 maggio 2010

Adriano saluta il Flamengo e sogna da Imperatore giallorosso

print-icon
adr

L'Imperatore approda nella città degli Imperatori. Per Adriano alla Roma manca solo l'annuncio (foto ap)

Il brasiliano nella conferenza stampa d'addio al club rossonero si è detto felice per il suo trasferimento alla Roma ma molto triste per la mancata convocazione ai Mondiali: Dunga è un professionista, sono consapevole degli errori fatti negli ultimi tempi

COMMENTA NEL FORUM DI CALCIOMERCATO 

"Quando ti chiamano 'Imperatore' è molto difficile essere sempre all'altezza di quel nome": felice per il suo trasferimento alla Roma, Adriano in una conferenza stampa ha precisato di essere invece "molto triste" per non essere stato convocato per i Mondiali dal ct del Brasile Dunga. "Mi sento molto triste, è ovvio, ma posso comprendere le ragioni di Dunga, che è un vero professionista. Sono consapevole di tutti gli errori fatti negli ultimi tempi", ha precisato l'ormai ex attaccante del Flamengo. Jeans e maglietta, da solo (senza il suo procuratore Gilmar Rinaldi), visibilmente di buon umore, Adriano ha parlato in portoghese, rispondendo a qualche domanda anche in italiano.

A proposito dei suoi "errori" di questi ultimi mesi, Adriano ci ha perfino scherzato su, chiedendo se veramente ci fosse bisogna di ricordarli: di fronte alle risate dei cronisti, l'attaccante ha chiuso il tema con un "allora non ne parliamo più...". Alla domanda se ritiene che l'Italia sia ormai il suo destino definitivo, Adriano ha detto di non poter ora rispondere a tale domanda, senza escludere però di poter "un giorno" tornare a giocare nel Flamengo: "il Brasile è un paese che non è sostituibile", ha sottolineato, ringraziando più volte non solo la squadra di Rio ma anche i suoi tifosi, i quali - ha concluso - "mi hanno sempre accompagnato".

Guarda anche
Adriano imperatore di Roma: c'è l'accordo verbale
Adriano al Flamengo: "Vado alla Roma"

Tutti i siti Sky