Caricamento in corso...
19 ottobre 2010

Ferguson conferma: "Rooney vuole lasciare il Manchester"

print-icon
way

Rooney come Tevez? Dopo il divorzio dallo United, il City è pronto a farsi sotto

Anche l'allenatore dello United esce allo scoperto: la trattativa per il rinnovo del contratto si è interrotta e il giocatore ha chiesto di essere ceduto. Alla base del divorzio i pessimi rapporti con Sir Alex. E i cugini del City preparano l'offerta

Commenta nel forum di calciomercato

Wayne Rooney vuole lasciare il Manchester United. La conferma arriva dallo stesso manager del club della Premier League, Alex Ferguson. "Siamo naturalmente sospresi come lo sarebbe chiunque, non capiamo perché se ne vuole andare" ha detto in conferenza stampa Ferguson, aggiungendo che il giocatore vorrebbe non giocare domani in Champions League per un infortunio alla caviglia.
"L'ho incontrato. Mi ha fatto capire che vuole lasciare la squadra. Sono scioccato e deluso", ha aggiunto Ferguson prima di precisare di non aver mai litigato con il giocatore, e di avere intenzione di indurlo a un ripensamento.

Ad approfittare della crisi in casa United potrebbero essere proprio i cugini del City, pronti ad offrire un ingaggio record a Wazza. L'attuale contratto di Rooney, in scadenza nel 2012, prevede un ingaggio di 90mila sterline alla settimana, l'equivalente di 3,5 milioni di euro all'anno (al netto delle tasse). Uno stipendio che l'interessato pretende che venga raddoppiato, forte della fila di estimatori che si è già creata fuori dalla porta di Sir Alex.
Al City, per esempio, potrebbe strappare anche un accordo da 200mila sterline la settimana, ovvero sei milioni all'anno. E anche il Chelsea - come ha ammesso lo stesso Carlo Ancelotti - potrebbe inserirsi nell'asta per Rooney, "ma solo se davvero lo United volesse venderlo".

Rooney avrebbe fatto sapere di non avere intenzione di firmare un nuovo contratto con i Red Devils, giustificando la rottura della trattativa con il deterioramento dei rapporti con Sir Alex Ferguson. I due non si parlano da quando sui giornali è scoppiato lo scandalo delle notti brave di Wayne in compagnia di una prostituta mentre la moglie era incinta. E Sir Alex non ha esitato in questa stagione a sostituirlo in più occasioni, fino a mandarlo in panchina nell'ultimo turno di campionato contro il West Bromwich. Se fino a qualche mese fa era sempre pronto a proteggerlo, giustificarlo e attenderlo nel suo difficile recupero dall'infortunio alla caviglia, ora la pazienza sembra proprio finita.

Tutti i siti Sky