Caricamento in corso...
21 ottobre 2010

Kakà, se non è Milan non è più Real. Lo rimpiazza Rooney?

print-icon
str

I tifosi del Manchester United accusano Rooney di vendersi e lo avvisano: "Tua moglie perdona, noi no".

Quella di Mourinho comincia ad essere una macchina che si sta avvicinando alla perfezione anche senza il brasiliano. E all'orizzonte comincia a stagliarsi un'altra figura minacciosa per Kakà: una figura con la faccia da cartone animato di Wayne...

Commenta nel forum di calciomercato

Guarda le pagelle di Real Madrid-Milan

Dopo l'annuncio del divorzio dal Manchester United Rooney punterebbe a un contratto da 14 milioni di euro a stagione, un milione in più rispetto a quanto il Real Madrid versa annualmente a Cristiano Ronaldo. A riferirlo è il quotidiano spagnolo Marca. Il Real Madrid, interessato al giocatore, non sembra però disposto ad assecondare le sue richieste, ritenute troppo esose sia per l'ingaggio sia per la gestione dei diritti d'immagine, che il giocatore non ha intenzione di cedere.

di Alessandro Sugoni

Alla fine di Real-Milan non è andato a cena con i suoi ex compagni come aveva promesso, però è entrato nello spogliatoio e li ha salutati tutti, uno per uno. Un ciao che significava due cose: che piacere rivedervi e - soprattutto - non verrò al Milan. Ma ammesso anche che sia vero - e con il mercato non si sa mai - non significherebbe automaticamente che Kakà resterà a Madrid.

Primo, perché non l'ha detto. Poi perché non bisogna mai dimenticare che Milano non è la sua unica destinazione possibile: a Londra c'è un vecchio amico che sogna di tornare ad allenarlo. Mentre quella di Mourinho comincia ad essere una macchina che si sta avvicinando alla perfezione senza il brasiliano. Ozil è stato preso proprio per tamponare la sua assenza: lo sta facendo in maniera meravigliosa. E all'orizzonte comincia a stagliarsi un'altra figura minacciosa per Kakà: una figura con la faccia da cartone animato di Wayne Rooney.

"Wayne, ora chi è la prostituta? Coleen ti ha perdonato, noi no.." è stata la gelida accoglienza dei tifosi dell'Old Trafford. Dopo la vittoria sul Bursaspor, Sir Alex lo ha congedato. In pratica la conferma di una rottura difficile da risanare. Chelsea, Tottenham e Manchester City si sono già messi in fila alla sua porta.

Ma la prima a bussare potrebbe essere proprio il Real. Josè Mourinho aveva parlato di lui già il giorno della sua presentazione. Peccato che Ferguson non lo lascerà partire  - aveva concluso. Ora proprio Ferguson è diventato il suo primo alleato. Il secondo ce l'ha in casa, Ronaldo e Rooney hanno già giocato e vinto insieme. Indizi che se non fanno una prova poco ci manca: Rooney e il Real sono più vicini. Almeno quanto il Real e Kakà sono più lontani.

Tutti i siti Sky