Caricamento in corso...
28 gennaio 2011

Pazzini ad Appiano Gentile, ora manca solo la firma

print-icon
paz

Giampaolo Pazzini contro Zanetti: da oggi saranno compagni di squadra (Foto Getty)

L'ex centravanti doriano ha superato le visite mediche e si è recato alla Pinetina per salutare i nuovi compagni. Per lui contratto di quattro anni e mezzo. Alla Sampdoria 12 milioni di euro più il cartellino di Jonathan Biabiany GUARDA LE FOTO

Calciomercato, tutte le trattative

Commenta nel Forum del Calciomercato

Giampaolo Pazzini è arrivato alla Pinetina dopo aver completato le visite mediche. Manca solo la firma del contratto per considerarlo quindi un giocatore dell'Inter; l'ufficializzazione del suo passaggio in nerazzurro fino al 2015 arriverà nel pomeriggio. Jonathan Biabiany ha salutato i suoi ormai ex compagni e questa mattina ha liberato il suo armadietto nel centro sportivo nerazzurro per poi partire per Genova, destinazione Sampdoria. Pazzini passa all'Inter per 12 milioni di euro più il cartellino del centrocampista offensivo Biabiany. Decisivo l'aumento dell'offerta nerazzurra, salita da 10 a 12 milioni di euro.

E' stato capace di far sognare. Giampaolo 'Pazzo' Pazzini, 26 anni, 1 metro e 80 di potenza, alla Sampdoria da due anni, è stato per i blucerchiati quello che fu il grande Vialli: bomber gentile che ha preso per mano la squadra e l'ha portata dove "il cielo è sempre più blu". Il 14 gennaio 2009 la Sampdoria ufficializza il suo acquisto a titolo definitivo per 9 milioni del 'Pazzo' dalla Fiorentina dove il giocatore non riesce a trovare spazi.

E' alla Samp che Pazzini inizierà a siglare gol tra i più belli. Insieme a Cassano forma una coppia d'attacco eccezionale e che ricorda il ticket Vialli-Mancini. Dopo il buon esordio contro il Palermo, segna il suo primo gol con la maglia blucerchiata il 21 gennaio 2009 contro l'Udinese in Coppa Italia. Seguono 5 gol in 5 settimane contro Chievo, Siena, Juventus, Atalanta e Milan. Il 4 marzo segna la sua prima doppietta con la maglia blucerchiata nella semifinale di Coppa Italia disputata tra Sampdoria e Inter terminata 3-0 per la Samp. La sua prima doppietta in Serie A arriva il 15 marzo contro la Roma. Realizza poi altre quattro reti contro Torino, Lecce, Reggina e Palermo. Alla fine del campionato totalizza 11 gol in 18 partite.

La stagione 2009-2010 inizia bene: il 'Pazzo' va a segno nella sfida d'esordio in Coppa Italia contro il Lecce con una doppietta, segna nella prima giornata contro il Catania dopo soli 9 minuti, va a segno anche nella giornata seguente contro l'Udinese e alla sesta giornata decide la sfida contro l'Inter, portando la Sampdoria al vertice della classifica. Durante l'ottava giornata di Serie A, che vede la Sampdoria impegnata in trasferta contro la Lazio, Pazzini, dopo aver segnato il suo settimo gol stagionale si frattura il setto nasale in uno scontro con Muslera. Nonostante ciò nella giornata seguente contribuisce al successo della squadra in casa per 4-1 al Bologna realizzando un gol e fornendo un assist. Dopo i primi mesi invernali Pazzini torna al gol e la Samp a vincere. Il 16 maggio 2010, segnando a Marassi di testa contro il Napoli all'ultima giornata, regala uno storico quarto posto e la qualificazione ai play-off di Champions League. La stagione 2010-2011 inizia con la sfida persa contro il Werder Brema per la qualificazione ai gironi. Pazzini mette a segno 3 gol in due partite, ma i blucerchiati vengono eliminati e retrocedono in Europa League. Il 21 novembre 2010, alla tredicesima giornata, è tripletta nella partita vinta in trasferta contro il Lecce.

Le videochat di calciomercato

Tutti i siti Sky