Caricamento in corso...
07 aprile 2011

Svincolati, grandi colpi, allenatori: il domani è adesso

print-icon
and

Andrea Pirlo si svincolerà il 30 giugno: la Juventus lo vuole

Mentre l'Inter pensa al rinnovamento, le grandi manovre sono iniziate: Mexes ha annunciato il suo passaggio al Milan, Pirlo è appetito dalla Juve che pensa a Montolivo e sogna Neymar. Menez mette paura alla Roma che tenta Buffon. E intanto Roby Baggio...

Guarda le statistiche della Serie A

La lotta scudetto non è ancora decisa, l'accesso alle prossime Champions ed Europa League risulta nelle ambizioni - e nelle possibilità - di diverse squadre, in coda la battaglia per non retrocedere si fa sempre più delicata. La Serie A, dunque, non ha ancora emesso verdetti, a un mese e mezzo dalla fine del campionato. Eppure, come ben sanno direttori sportivi, procuratori e operatori di mercato, è questo il momento più importante per costruire la stagione 2011-2012.

Perché l'Inter pensa alla rifondazione, la Juventus prepara un profondo rinnovamento e il Milan ha già cominciato a muoversi, mentre la Roma aspetta che venga formalizzata la cessione a DiBenedetto per cominciare a spendere e sognare. Intanto, il mercato degli svincolati comincia ad essere più chiaro: Philippe Mexes ha annunciato il passaggio al Milan, da dove il 30 giugno potrebbe fare la valigia Andrea Pirlo, con direzione magari quella Juventus che lo vuole fortemente e che, tuttavia, pensa anche a Montolivo, nel caso dal centrocampista bresciano arrivasse un no. Il sogno dei bianconeri è un top player e, perso Piazon a vantaggio del Chelsea, tutti gli occhi sono puntati su Neymar, il fuoriclasse tutto genio e sregolatezza del Santos. Poi Bastos, per il quale c'è già un accordo di massima e i riscatti certi di Matri e Quagliarella. Oltre a varie cessioni, dal rientrante Amauri in giù. Ma la Juventus ha anche un dubbio: chi sarà il portiere? Buffon, che piace alla Roma, o Storari che preme per un posto da titolare?

Già, la Roma. Perso Mexes, potrebbe perdere anche Menez proprio a favore dei bianconeri e magari in prospettiva di un'operazione che coinvolgerebbe lo stesso Buffon. Ma, in giallorosso, si attende prima di tutto il Messia a stelle e strisce, quel DiBenedetto capace di accendere i sogni con poderose iniezioni di denaro. Sempre che arrivi davvero... Ma, attenzione: tutte, dall'Inter alla Roma passando per la Juventus, potrebbero cambiare allenatore. I nerazzurri guardano all'estro, la Juve ha una mezza dozzina di candidati e la panchina giallorossa piace a tanti. Cosa che non accadrà al Milan, dove Allegri è blindato, comunque vada a finire il campionato. Fra tanti dubbi, ecco una certezza, assieme ad un'altra sicurezza, quella che i rossoneri spenderanno per un top player. L'uomo dei sogni? Cristiano Ronaldo, nientemeno. Ma anche il Napoli, a fari spenti, guarda al domani, la Lazio vuole Lamela e ha già cominciato a muoversi in tal senso.

Poi, in un'annata priva di Mondiali ed Europei, qualcosa si muove anche per quanto riguarda la Nazionale. Secondo rumors sempre più insistenti e raccolti da La Repubblica, infatti, la Figc starebbe per perdere uno degli uomini-copertina del rilancio post Mondiale, Roberto Baggio. L'ex "divin codino" era entrato nei ranghi federali lo scorso 4 agosto: doveva essere uno dei nuovi testimonial del rilancio del calcio italiano. Meno di un anno dopo però la storia sembra già finita. Perché il "piano Baggio" che puntava sul rilancio del settore tecnico e sulla valorizzazione del settore giovanile sembra, oggi, impraticabile, anche per una questione di costi troppo alti. Da qui la possibile rottura. E, allora, attenzione all'Inter. Perché? Perché Moratti non aveva mai fatto mistero di volere, un giorno o l'altro, Baggio all'interno della dirigenza nerazzurra. E se fosse la volta buona?

Commenta nel forum del Calciomercato

Tutti i siti Sky