Caricamento in corso...
17 maggio 2011

Kakà chiude al Milan: sono e sarò un giocatore del Real

print-icon
kak

Per Kakà il futuro prossimo è ancora blanco, così almeno dice lui

Impegnato a Londra in un evento promozionale del suo sponsor tecnico, il fuoriclasse brasiliano avverte: il mio obiettivo è fare una grande stagione qua, in passato mi ha cercato anche il Manchester United e ho detto no

Kakà al Chelsea? La sua mamma su Twitter dice...

"Sono e sarò un giocatore del Real Madrid". Kakà chiude insomma ogni discorso sul suo futuro o almeno prova a farlo. Impegnato a Londra in un evento promozionale del suo sponsor tecnico, il fuoriclasse brasiliano parla della finale di Champions League ("sarà una grande partita tra due squadre che si possono battere, ho amici nel
Barça e nel Manutd e, così come Casillas, io tiferò per il calcio"), dei suoi attuali e futuri compagni di squadra ("non conosco Sahin, ma so che ha fatto una grande stagione con il Borussia Dortmund. Ozil? Un privilegio giocare con lui"), ma anche delle polemiche che hanno infiammato la Spagna e tutta l'Europa tra il suo Real e il Barcellona, con il club "blanco" che si è rivolto alla Uefa per far valere le proprie ragioni.

"Credo che la società abbia difeso la propria immagine, c'erano i motivi per intraprendere certe azioni legali, una scelta dettata dal voler difendere i propri diritti, ma anche quelli di tutto il calcio". Kakà ha anche parlato del suo futuro, tornando sull'annuncio fatto da sua madre attraverso twitter e che aveva fatto pensare ad un imminente trasferimento al Chelsea del brasiliano.

"La verità è che sono del Real e che voglio restare a Madrid, mia madre sarà a Londra per un congresso, ma io intendo giocare ancora nel Real. Non penso di tornare in Brasile, né di andare in Premier League o in Italia, il mio obiettivo è fare una grande stagione con il Real - ha spiegato Kakà, che ha rivelato che sei mesi prima di andare a Madrid ha detto no al Manchester United di Ferguson -. Ho avuto e continuo ad avere un ottimo rapporto con il Milan, sono orgoglioso di aver vestito la maglia rossonera, ma voglio vincere con il Real. Abbiamo disputato una buona stagione, siamo arrivati secondi, in semifinale di Champions League e abbiamo vinto la Coppa del Re".

Guarda anche:
LO SPECIALE: Lo scudetto 2011 è rossonero - FOTO: L'album dello scudetto - La festa rossonera a San Siro - La storia di Allegri, il mister dello scudetto - L'album del Milan - Gli striscioni anti-Leonardo nel derby - VIDEO: Boateng sulla luna, si esibisce nel "mooonwalk"

Tutti i siti Sky