Caricamento in corso...
20 maggio 2011

Pirlo-Juve verso l'accordo. L'addio al Milan tra le lacrime

print-icon
and

Andrea Pirlo ha salutato i compagni a Milanello: la Juve lo aspetta (Getty)

Il procuratore del centrocampista ha confermato l'operazione: "Manca ancora qualcosina da sistemare, ma credo che sia indirizzato ai bianconeri". Intanto, a Milanello, il giocatore ha salutato i compagni decisamente emozionato. GUARDA IL VIDEO

LO SPECIALE: Lo scudetto 2011 è rossonero

F
OTO: L'album dello scudetto - Il diavolo veste D&G. I rossoneri in bianco e nero - La festa rossonera a San Siro - La storia di Allegri, il mister dello scudetto - L'album del Milan - Gli striscioni anti-Leonardo nel derby

"C'è ancora qualche dettaglio da sistemare, ma credo che Andrea Pirlo sia indirizzato alla Juventus". Lo ha confermato Tullio Tinti, l'agente del centrocampista che, in scadenza di contratto, ha appena dato l'addio al Milan dopo dieci anni. "Nel giro di pochi giorni prenderà una decisione definitiva, ma credo proprio che la Juventus sia la principale candidata", ha aggiunto Tinti, di passaggio davanti alla sede della Lega di serie A.

Sembra che il club bianconero abbia offerto a Pirlo un contratto triennale, "ma le cifre sono un dato personale", ha tagliato corto Tinti, assicurando che con il Milan "non abbiamo mai affrontato l'aspetto economico, hanno prevalso gli stimoli e la voglia di una nuova esperienza". Ha contato il parere di Massimiliano Allegri? "Allegri ha fatto le sue valutazioni e noi le nostre deduzioni ma tutto in tranquillità", ha concluso Tinti.

ADDIO AL MILAN TRA LE LACRIME. Il saluto del calciatore bresciano alla maglia rossonera è stato carico di emozioni nella seduta di Milanello: ha fatto un breve discorso di commiato e poi ha abbracciato uno per uno i compagni vecchi e nuovi incontrati in dieci anni di carriera al Milan. Qualche minuto prima di allenarsi, peraltro, la squadra ha posato per la foto ufficiale da campioni d'Italia.

CONTE-JUVE, CI SIAMO. Il nuovo allenatore di Pirlo dovrebbe essere Antonio Conte, il presidente del Siena lo lascerà libero di accettare l'eventuale offerta di allenare la Juventus. "Quando una persona mi dà tanto sono abituato ad accontentarla - ha spiegato Mezzaroma, ospite dell'assemblea della Lega di serie A - l'amicizia è un valore raro ma va nei due sensi di marcia: se Conte ha preso una decisione sarebbe stupido e sbagliato fermarlo. Andiamo a sentire, andiamo a parlare". Secondo Mezzaroma, per Conte "la Juve non e' solo una squadra di calcio ma qualcosa di piu'. E' una societa' che lo ha accolto, una maglia che ha sotto la camicia. Abbiamo parlato di questa possibilita' ma in questo momento e' ancora sotto contratto con noi".

Guarda anche
Panchina Juve, la scelta è Conte - Juve-Aguero, due ore e mezza di colloquio fra club e agente

FOTO: Conte, bandiera bianconera

Tutti i siti Sky