Caricamento in corso...
16 giugno 2011

Roma, parla Sabatini: "Arriveranno calciatori forti"

print-icon
boj

Bojan Krkic, obiettivo primario del mercato giallorosso

Il ds giallorosso fa il punto sul mercato: Luis Enrique ha già a disposizione tanti campioni, ma arriveranno dei giovani già affermati, perché le promesse sono già in Primavera. Su Borriello: "Ci vuole umiltà". "Vucinic? E' un ragazzo deluso"

FOTO: Gli svincolati della Premier League inglese - Gli svincolati della Liga spagnola - Gli svincolati della Bundesliga tedesca - Gli svincolati della Ligue 1 francese

NEWS - Tutto sullo scandalo scommesse

VAI ALLO SPECIALE CALCIOMERCATO


"Arriveranno calciatori da Roma che dovranno confermarsi da Roma. La maglia della Roma è pesante, arriveranno calciatori forti che dovranno diventare ancora più forti". Uno di questi potrebbe essere Bojan Krkic. Lo ha detto a 'Teleradiostereo' Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, secondo cui Bojan "è forte: potrebbe integrarsi bene in meccanismi che conosce e portare la sua conoscenza dei movimenti in campo. Sarebbe un giocatore agevolato rispetto agli altri". Il dirigente della Roma ha osservato che, "se non arrivassero calciatori da Roma, qualcuno avrebbe sbagliato e quel qualcuno sarei io". Poi ha spiegato di voler ingaggiare "giovani calciatori, perché le promesse già le abbiamo. La Primavera ha vinto lo scudetto perché è fatta da promesse, io invece parlo di giovani calciatori, altrimenti la gente si preoccupa. Arriveranno calciatori forti". E la Roma ha già, per Sabatini, "calciatori molto forti: ho sempre avuto il terrore di giocare contro la Roma perché è piena di campioni".

Dal ds un messaggio a Borriello, "io uso le parole perché producano un effetto e l'effetto c'è stato, anche se eccessivo: Borriello, essendo forte, pensa a se stesso in una certa maniera, ma quando si fa parte della Roma si deve avere anche umiltà. La Roma non può garantire a Borriello lo spazio che lui chiede, ma nessun'altra squadra forte glielo assicurerebbe". Su Lamela, non si sbilancia: "può essere che abbia una fama ancora maggiore di quanto ha proposto sul campo, ci sono molte squadre che lo vogliono ma non me ne faccio un cruccio, si vedrà", mentre sul portiere assicura, "la Roma prenderà un giocatore che dia tranquillità alla squadra. Doni sta parlando col Liverpool, poi vedremo quali soluzioni di mercato si proporranno per Julio Sergio e Lobont".

Capitolo Vucinic. "E' un ragazzo deluso: dobbiamo comprendere il suo stato d'animo che nasce da alcune vicissitudini. Io però sono convinto che restando Vucinic avrebbe la possibilità di ritrovare la sua armonia. Credo che resterà e so che - ha concluso - ritrovata l'armonia proporrà numeri spettacolari. Nel calcio bisogna essere pragmatici: non esiste la verità assoluta e tutto è in movimento e ciò riguarda anche Vucinic. Però, nell'idea mia e della società rimarrà alla Roma, a meno che la sua delusione non sia troppo grande. Si aspettava più comprensione da parte di tutti per le prestazioni sbagliate dell'ultimo anno. Deve cambiare la dialettica, dobbiamo essere bravi ad accettare anche gli errori. Ogni calciatore può sbagliare, ma deve dare il massimo".

Roma, chi serve dopo l'arrivo di Luis Enrique? Dì la tua nei forum!

Tutti i siti Sky