Caricamento in corso...
29 novembre 2011

Milan: pronto il piano B, ma si spera in quello T come Tevez

print-icon
bre

Galliani continua a ribadire che punta a un prestito con diritto di riscatto per Tevez

Per evitare di restare a mani vuote, i rossoneri si sono assicurati la possibilità di prendere Maxi Lopez in prestito dal Catania. Dopo il no di Drogba e i mugugni di Inzaghi, il colpo atteso a gennaio riguarda solo l'asso argentino del Manchester City

FOTO: Il mercato si fa adesso: caccia ai big d'Europa - Anteprima di mercato: quelli con la valigia pronta - Sfoglia tutto l'Album del Milan - Caccia aperta al fuoriclasse sudamericano

NEWS: Galliani: "Lopez è uno da Milan"

LO SPECIALE: Tutte le news di mercato

Il piano B è pronto. Per evitare di restare a mani vuote, il Milan si è comunque assicurato la possibilità di prendere Maxi Lopez in prestito dal Catania. Ma è un altro attaccante argentino il principale obiettivo per sostituire Antonio Cassano a gennaio, si sa: Carlos Tevez. Adriano Galliani continua a ribadire che punta a un prestito con diritto di riscatto, ma nelle prossime settimane lavorerà per provare a strappare le condizioni più convenienti dal Manchester City.

Per dirla con Mino Raiola, l'agente di Zlatan Ibraimovic che al Milan l'anno scorso ha servito assist importanti, "tutte le operazioni sono fattibili, ma in questo caso ci vuole un grande aiuto del Manchester City". Con Tevez, Lopez o qualsiasi altro rinforzo d'attacco, si ridurrebbe ulteriormente lo spazio per Pippo Inzaghi (che ha regalato sorrisi ai malati ricoverati nell'Unità Spinale dell'ospedale Niguarda) che potrebbe decidere di prendere altre strade e l'Udinese sarebbe la destinazione ideale perché gioca l'Europa League, e quindi offre la chance di inseguire il trono di cannoniere di coppe europee.

Intanto è arrivata la conferma del no di Didier Drogba che, ha chiarito il suo procuratore Thierno Seydi, a 33 anni non è disposto a lasciare il Chelsea per un prestito ma aspetta un'offerta faraonica da campionati emergenti. Non è chiaro invece quanto tempo sarà necessario per mettere nero su bianco il rinnovo di Massimiliano Allegri. Galliani ha assicurato che arriverà "al 101 per 100", e l'allenatore livornese sembra fidarsi della parola dell'amministratore delegato. Potrebbero però servire settimane o forse mesi. Non è escluso che i tempi si allunghino fino al termine del campionato, in cui Allegri e il Milan vogliono realizzare il bis scudetto.

L'ideale sarebbe arrivare alla sosta di Natale in testa, e dopo aver liquidato il Chievo ora la squadra di Allegri vuole proseguire con questo ritmo venerdì in casa del Genoa. A Marassi mancherà ancora Abbiati, alle prese con una spalla dolorante, mentre è pronto per andare in panchina Mexes, che si è tolto il tutore usato per proteggere la mano operata.

Tutti i siti Sky