Caricamento in corso...
21 agosto 2012

De Rossi non molla la Roma. Gargano all'Inter

print-icon

Il centrocampista ha smentito le voci sul passaggio al City. "Se volessi partire, lo direi, ma non accadrà. Ceduto per una grossa cifra? Ci sta, è successo con Zidane e Cristiano Ronaldo...". L'uruguaiano a un passo dall'addio al Napoli

"Io sto qui e sto bene qui". Daniele De Rossi mette la parola fine alle voci sul suo passaggio al Manchester City, alla corte di Roberto Mancini. "Non ho mai chiesto a nessuno di andare via, ho letto tante cose che mi hanno fatto sorridere. Se un giorno vorrò andarmene, e non credo che succederà, verrò qui e lo dirò pubblicamente, assumendomi le mie responsabilità", ha detto De Rossi in un'affollatissima conferenza stampa. "Non era mia intenzione venire qui ed annunciare la terza guerra mondiale", aveva esordito scherzando 'Capitan Futuro', "ma dopo tutte queste tarantelle devo dire la mia". 

"Spero che venga apprezzata la mia onestà", ha aggiunto De Rossi. "Quando, per il prolungamento del mio contratto, ho chiesto più soldi l'ho detto senza ipocrisie. Però, ripeto, non ho mai chiesto di andare via. Sabatini ha detto che non sono incedibile di fronte ad una proposta indecente? Il discorso ci sta: in passato sono stati venduti Zidane, Cristiano Ronaldo, Ibrahimovic e Thiago Silva, figurarsi se non posso essere messo in discussione io di fronte ad un'offerta importante".

"Non ho alcun problema con Zeman, è una clamorosa bugia", ha detto ancora De Rossi. "Umanamente sono ancora dispiaciuto per Luis Enrique, secondo me avrebbe potuto riscattarsi. E speravo arrivasse Montella perché lo conosco ed è un grande allenatore, pensavo di avere dei problemi con Zeman perché lo immaginavo un 'musone' invece è una persona piacevole con cui mi trovo benissimo".

Gargano verso l'Inter -
Walter Gargano è praticamente un giocatore dell'Inter: il giocatore passerà dal Napoli al club nerazzurro. La formula scelta è quella del prestito oneroso a 1,5 milioni di euro. Il diritto di riscatto e' fissato a 5 milioni. Le parti sono davvero vicine e si attende soltanto l'ufficialità.

Arriva Marquinhos, ora è ufficiale.
La Roma ha reso noto attraverso un comunicato di aver sottoscritto il contratto col Corinthians per l'acquisizione a titolo temporaneo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Marcos Aoas Correa (Marquinhos), fino al 30 giugno 2013, a fronte del riconoscimento di 1,5 milioni di euro. L'accordo, si legge nella nota, "prevede altresì un'opzione per il trasferimento a titolo definitivo, alla 8.a presenza del calciatore in gare ufficiali della prima squadra, disputate per un minimo di 45 minuti ciascuna, per un valore pari a 3 milionidi euro".

Intanto il Tottenham di Villas-Boas avrebbe messo nel mirino Miralem Pjanic
. Il nazionale bosniaco della Roma è l'alternativa numero uno a Joao Moutinho, centrocampista del Porto rincorso dagli "Spurs". E così, riporta oggi l'Evening Standard, il club londinese ha spostato le attenzioni verso Pjanic, che ha firmato un contratto di 4 anni con i giallorossi nella scorsa stagione. Secondo la stampa inglese, la valutazione del giocatore è di 12 milioni di sterline (circa 15 milioni di euro). Il Tottenham cerca anche un attaccante, piacciono Emmanuel Adebayor (sarebbe un ritorno dopo il prestito dello scorso anno) e il brasiliano Leandro Damiao dell'Internacional.

La Fiorentina continua la sua caccia a un attaccante
. Il sogno ora è Berbatov del Manchester United, ma l'operazione è molto difficile per più ragioni: il bulgaro guadagna 2,8 milioni, costa 5-6 milioni di euro ed è molta la concorrenza per prenderlo (soprattutto Newcastle, Sunderland e Qpr). Le alternative restano Lisandro Lopez, Osvaldo e il solito Babel. Ma nelle ultime ore è ripreso a circolare anche il nome di Borriello.

Felipe al Siena.
La Fiorentina ufficializza la cessione in prestito del difensore brasiliano, che già oggi pomeriggio si è allenato con la nuova squadra.

Julian Velazquez conferma l'addio al Genoa
per il mancato pagamento del suo cartellino (3,5 milioni di euro per 80%) all' Indipendiente di Avellaneda. Il giocatore ha detto al quotidiano argentino "Olé": "Domani verrà il mio agente per rescindere il contratto e vedere di trovare un'altra squadra, altrimenti tornerò in Argentina". "Sono molto arrabbiato - ha aggiunto il procuratore del giocatore Riccardo Giusti - Ci hanno mancato di rispetto, sono impresentabili. Adesso sarà molto difficile trovare un'altra squadra anche perché ci vuole tempo".

Maicon vuole il Real Madrid e sta cercando la soluzione migliore per lasciare l'Inter e tornare a lavorare con José Mourinho. Secondo il sito del quotidiano spagnolo "As", il brasiliano ha deciso di chiudere la sua avventura con il club nerazzurro e pur di liberarsi dal contratto, in scadenza nel 2013, è pronto a ricorrere all'articolo 17, liberandosi per circa due milioni di euro, contro i cinque che, secondo la stampa iberica, chiederebbe Moratti. Maicon, però, per convincere il Real dovrebbe ridursi sensibilmente l'ingaggio.

Adriano torna al Flamengo con contratto a gettone. Le visite mediche del brasiliano hanno dato esito positivo: il giocatore è guarito dai postumi dell'operazione al tendine del piede sinistro, che risale all'aprile scorso. "Non c'è più niente da discutere - ha detto Adriano, in conferenza stampa - Sono di nuovo un giocatore del Flamengo, con tutti gli obblighi, e da domani sarò al centro sportivo ad allenarmi". Il club carioca aveva tenuto in sospeso la maglia numero 10 per il bomber, ma - viste le liti dei mesi scorsi - ha proposto all'attaccante un contratto "flessibile": l'ex Imperatore riceverà 75mila reais (circa 30 mila euro) per ogni incontro giocato, senza uno stipendio mensile fisso ma con abbuoni per reti segnate e titoli conquistati dalla squadra.

Tutti i siti Sky