Caricamento in corso...
06 giugno 2013

Galliani: "Kakà troppo caro. Tevez-Juve? Mi spiacerebbe"

print-icon

L'ad del Milan a tutto campo: "Avevamo nel mirino anche Neymar, costi impossibili. Con Berlusconi c'è perfetta sintonia. Nel nostro mercato non ci saranno né Mister X né Mister Y. Moratti? I tifosi se lo tengano stretto, altro che Tohir"

"Totale sintonia" con il presidente Berlusconi "anche se ci sta di avere idee diverse, ma la società è una". Così l'ad. del Milan Adriano Galliani, a margine di un evento a Milano, torna sulla querelle della panchina rossonera che ha visto la conferma di Massimiliano Allegri. "Il mio rapporto con il presidente Berlusconi è più che buono - le parole di Galliani a Sky - La società Milan è una, si può parlare e discutere con il presidente di giocatori e allenatori ma in ultima analisi è stato Berlusconi a confermare Allegri e l'amministratore delegato è in assoluta sintonia con il presidente".

"Neymar? Costa troppo. Così come Kakà" -
Anche il Milan è stato sulle tracce del fuoriclasse brasiliano Neymar, ora approdato al Barcellona. A rivelarlo è proprio Galliani: "Non possiamo prenderlo", ha sottolineato l'ad rossonero, anche se ha confessato che "lo abbiamo seguito. Questo non si sapeva. Ma i costi sono arrivati a un punto tale che le squadre italiane non possono prendere quei giocatori". E, sempre in Spagna, gioca un altro giocatore, ex milanista e più volte segnalato come un possibile ritorno illustre in via Turati, Ricardo Kakà. Ma Galliani è stato tranchant. "Kakà non esiste al mondo. Berlusconi non ne ha mai parlato. Ricardo ha uno stipendio impossibile per tutte le squadre italiane". E poi, giocando sul nome, Galliani si è detto sicuro di avere in mano l'erede. "Noi abbiamo già un altro Riccardo", ovvero Saponara, "e quando vedo il nostro Riccardo di oggi, nelle accelerazioni mi ricorda il nostro Ricky di una volta".

"Con i soldi è facile comprare i top player" -
Nel calciomercato oggi "bisogna essere per certi versi più bravi di quando si comperavano i top players. Perchè è facile comprare i grandi giocatori, basta andare e presentarsi con i quattrini in tasca. Adesso ci vuole più fantasia e forse anche più capacità. La tranquillità dell'anno scorso è finita. Ma credo che se facciamo 'frullare' un po' il cervello ce la faremo anche quest'anno".

"Tevez alla Juve? Mi dispiacerebbe" -
Era stato a un passo dal suo acquisto e adesso Tevez potrebbe finire alla Juventus. Un'eventualità che l'ad milanista non apprezzerebbe. "Tevez alla Juve? Mi dispiacerebbe un pochetto. Si era creato un rapporto amicale, ci sentivamo per telefono... Ma in questa vicenda ha avuto ragione Berlusconi perchè, se fosse arrivato Tevez al posto di Pato non sarebbe arrivato Balotelli".

"Mercato? Non ci sarà un Mister X o un Mister Y" -
La linea del Milan per il calciomercato è: "Se non parte nessuno, più o meno non arriva nessuno". Parola di Galliani. Anche perchè, ha affermato, "non partiamo dietro a nessuno". E non cambierà i piani nemmeno il superamento del preliminare di Champions, promette. Quindi, "nel 2013 non ci sarà nè 'Mister X' nè 'Mister Y', ma solo i 25 buoni giocatori che abbiamo in rosa".

"Moratti? Tifosi ingenerosi" -
Le reazioni dei tifosi interisti al possibile arrivo nella società nerazzura del magnate indonesiano Erick Thohir non sono piaciute all'ad del Milan. "L'Inter con Moratti ha vinto tantissimo quindi credo che i tifosi dell'Inter dovrebbero essere un po' più generosi con il loro presidente. Dovrebbero tenerselo ben stretto".

Tutti i siti Sky