Caricamento in corso...
04 luglio 2013

Cassano, una sfida per i Mondiali: "Non ringrazio Mazzarri"

print-icon

Il Parma ha presentato alla stampa FantAntonio: "Non sono venuto a svernare, voglio tornare in Nazionale". Sul suo ex allenatore: "Mi aveva detto che sarei stato titolare". La replica del tecnico: "Non ho mai parlato con lui"

E' stato presentato alla stampa il neo acquisto del Parma Antonio Cassano. L'affare è stato chiuso dopo una lunga trattativa con l'Inter. "Ringrazio il presidente che ha fatto uno sforzo enorme e Leonardi che mi chiamava anche la notte. Non ho fatto fatica ad accettare il Parma perché sono convinto che come a Genova anche qui faremo grandi cose. E' l'anno del Mondiale e questo mi stimola a fare meglio. Questa sarà la mia ultima piazza e voglio fare bene. Io non sono una contropartita ma sono un protagonista e basta, a me piacciono le grandi sfide. Mi davano per finito dopo Madrid e invece ho riconquistato la Nazionale. Anche stavolta vincerò io". Sulla tranquillità della piazza: "Non è così, qui hanno giocato calciatori di livello mondiale, non sono venuto in vacanza altrimenti avrei scelto il mare". Un ringraziamento all'Inter ma non a Mazzarri: "Ringrazio la società ma non il nuovo allenatore. Prima di firmare mi aveva detto che sarei stato un titolare poi che non rientravo nei suoi piani".

Il calore dei tifosi entusiasma Cassano: "Quando ho grandi responsabilità rendo al massimo, quando invece sono uno dei tanti, non mi esprimo al massimo". Nessuna dichiarazione per Stramaccioni: "Non mi fate fare polemica, su di lui non ho niente da dire". Sul suo prossimo allenatore, Roberto Donadoni: "Lui mi ha detto di essere felice di avermi, mi ha spronato tantissimo e io qua voglio dimostrare quello che so fare".

Nessuna promessa, solo fatti: "Non voglio promettere niente perché devo solo dimostrare - ha proseguito Cassano - Mi dispiace aver reso solo il 30 per cento di quello che potevo dare in carriera, mi accontenterei di esprimermi al 70-80 per cento delle mie possibilità. Ho fatto più danni della grandine, ma se non li avessi fatti dove avrei giocato? Da solo sulla luna?"

Il benvenuto di Ghirardi:
"Per festeggiare il centenario il regalo è Antonio Cassano, abbiamo cercato di fare qualcosa di speciale, di straordinario per far felici i nostri tifosi. Una stella ha scelto di venire a Parma, per me è un motivo d'orgoglio perché siamo una società credibile nel panorama nazionale e internazionale. Ringrazio per questa operazione Pietro Leonardi, l'Inter e proprio Antonio e il suo staff". Ed ancora: "Siamo una provinciale di lusso, abbiamo allestito una squadra forte, lo dimostra il fatto di aver acquistato Antonio e di aver tenuto alcuni giocatori chiave come Amauri e Paletta. facciamo i punti per salvarci, poi vediamo".

La replica di Mazzarri: "Le mie parole all'Inter sono state quelle espresse nella mia conferenza di presentazione ad Appiano Gentile. Ai giocatori, o dei giocatori, non ho più parlato perché aspettavo l'inizio della stagione sportiva. Non vedo come possa io aver designato i titolari e le riserve prima di averli allenati. Tengo a precisare che l'ultima volta in cui ho parlato con Cassano è quando abbiamo giocato Inter-Napoli all'andata. Quella volta l'ho solo salutato in campo". Sono le precisazioni, affidate al sito della società nerazzurra, dell'allenatore dell'Inter Walter Mazzarri che ha risposto così alle parole di Antonio Cassano durante la conferenza stampa di presentazione al Parma.

Tutti i siti Sky