Caricamento in corso...
05 luglio 2014

70mila persone, tre palleggi: quando Napoli abbracciò Diego

print-icon
pre

Napoli, 5 luglio 1984, ore 18.30: Maradona e la scala del San Paolo. Poco oltre, il tripudio

L'ANNIVERSARIO . Esattamente 30 anni fa, il 5 luglio 1984, migliaia di tifosi gremirono lo stadio San Paolo per dare il benvenuto al fuoriclasse che avrebbe cambiato la storia del calcio azzurro. Alle 18.30 Maradona salì le scale e nulla fu più come prima

di Lorenzo Longhi

Salì le scale e nulla fu più come prima. 5 luglio 1984, ore 18.30: un ragazzo riccioluto si presenta davanti alla scalinata del San Paolo. Lo bloccano. Ciak, si rigira. Azione: si volta, ora si può, sale. I riccioli sbucano al sole. Tripudio. Sono in settantamila lì, solo per lui.

Quel ragazzo non ha nemmeno 24 anni, ma è già Diego Armando Maradona, mentre il Napoli, nel giorno in cui la città lo abbraccia allo stadio, ancora non è il Napoli che diventerà di lì a breve, quello che entrerà nella storia con quattro parole: il Napoli di Maradona.

"Buonasera napolitani", e il boato sale a livelli inauditi. Qualcuno gli porge un pallone. Il re lo alza, lo accarezza. Tre tocchi tre, poi palla in cielo, dove risuona il suo nome. Alèalèalèalè/Diego/Diego. Settantamila paganti per tre palleggi. Quanto bastò per cambiare la storia di una squadra, del calcio italiano, della memoria sportiva di una città.

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

IL PUNTO DI GIANLUCA DI MARZIO

TUTTI I VIDEO DEL MERCATO

Tutti i siti Sky