Caricamento in corso...
04 agosto 2014

Mercato, non servono gli sceicchi: Udinese regina in Europa

print-icon
udi

Alexis Sanchez abbraccia Antonio Di Natale ai tempi dell'Udinese. La cessione del cileno ha frutta 26 milioni alla società (Getty)

INFOGRAFICA . La società friulana ha realizzato il numero maggiore di utili nelle ultime quattro stagioni. Nella top 20 dei principali campionati ci sono anche Genoa e Palermo. Il PSG è il peggiore, in Premier bruciato più di 1 miliardo di euro

di Luigi Caputo

Potranno anche avere le risorse economiche per comprare i migliori calciatori al mondo, sponsor con contratti milionari, stadi che fanno registrare il tutto esaurito. Ma nessun club nei principali campionati europei gestisce il calciomercato meglio dell'Udinese. Real Madrid, Barcellona, Bayern Moncaco, Manchester United: anche le squadre più blasonate restano indietro quando bisogna far quadrare i conti. E la famiglia Pozzo in questo senso non ha pari. La società bianconera è la regina del calciomercato delle ultime quattro stagioni (non considerando quella appena iniziata). Tra acquisti e cessioni ha fatto registrare un avanzo positivo di 127 milioni. L'Udinese è il vero vincitore del fair play finanziario. Società come il Manchester City, che da solo ha messo a bilancio un passivo da 332 milioni (quasi il doppio dell'intera serie A negli ultimi quattro anni), dovrebbe invidiare la gestione del calciomercato bianconero.

- Serie A, solo 5 club in attivo. Juve vicina a un passivo da 150 milioni

Negli ultimi anni è calata la disponibilità dei club a investire sul mercato. Solo le squadre di vertice come Juventus e Napoli sono riuscite a rinforzarsi, sforzo che è valso un pesante passivo nel bilancio delle ultime quattro stagioni. Anche le piccole però non se la passano bene. Il Sassuolo, per esempio: per restare nella massima serie, la società di Giorgio Squinzi ha speso 34 milioni nello scorso campionato. L'investimento ha fatto precipitare il bilancio del calciomercato: in un solo anno i neroverdi hanno speso più del Milan. Solo le tre neopromosse, il Cagliari, il Genoa e appunto l'Udinese possono sorridere.

Come è possibile vedere dal grafico, in totale la serie A ha perso 181,3 milioni in questo arco temporale. La Juventus è la società che è più distante dal punto di pareggio e dalla media degli altri club. I bianconeri sono in rosso di 140,6 milioni. Al secondo posto il Napoli con 80,2 milioni. Anche se la maggioranza delle società è in perdita, i loro bilanci sono comunque vicino ai valori della media e della mediana (misura che non è influenzata dai valori estremi). Ciò significa che il loro calciomercato è in linea con la tendenza generale delle squadre italiane.

Passa il cursore del mouse sul grafico per visualizzare i dati e muoviti con la barra in basso (valori in milioni di euro, fonte Transfermarkt). Guarda l'infografica anche sul tuo cellulare


- Il modello Udinese

L'Udinese è la regina del mercato europeo perché riesce a creare utili da quella che dovrebbe essere la fonte di sostentamento primaria di tutti i club: la valorizzazione dei propri calciatori. Nelle utlime quattro stagioni, dal Friuli sono partiti campioni come Alexis Sanchez (destinazione Barcellona), Juan Cuadrado (Fiorentina), Kwadwo Asamoah (Juventus). Prima che diventassero tali, l'Udinese li ha scovati e ha consentito la loro crescita. Solo le cessioni dei calciatori venduti ai top club hanno fruttato 161 milioni.

Passa il cursore del mouse sul grafico per visualizzare i dati e muoviti con la barra in basso (valori in milioni di euro, fonte Transfermarkt). Guarda l'infografica anche sul tuo cellulare


Il confronto con l'estero: i 20 migliori e peggiori

Se l'Udinese è la società che ha gestito meglio il calciomercato delle ultime quattro stagioni, tra le prime cinque in Europa c'è anche il Genoa. Con il suo avanzo di 28,5 milioni, anche il Palermo rientra nelle top 20. Le spese folli invece hanno portato il Paris Saint Germain a vestire la maglia nera tra le squadre dei principali campionati del continente. Un passivo da 356 milioni non è lo spot migliore per il fair play finanziario. Anche il Manchester City, che come i parigini è stato acquistato da uno sceicco, non può certo pubblicizzare il rosso da 332 milioni. In Premier League il disavanzo complessivo delle società ammonta a 1,3 miliardi: tra i peggiori 20, otto sono club inglesi.
Passa il cursore del mouse sul grafico per visualizzare i dati (valori in milioni di euro, fonte Transfermarkt). Guarda l'infografica anche sul tuo cellulare

Tutti i siti Sky