Caricamento in corso...
02 gennaio 2015

Podolski sbarcato a Milano: "Porterò l'Inter in Champions"

print-icon

Il tedesco, in prestito dall'Arsenal, è atterrato all'aeroporto di Linate alle 21:25. "Sono felice di essere qui, forza Inter", le sue prime parole. I nerazzurri si muovono anche per Shaqiri. Milan, visite mediche per Cerci. Gerrard lascia il Liverpool

Inter-Podolski, è fatta - Il tedesco è il primo rinforzo di mercato per Roberto Mancini. Il campione del mondo è atterrato alle 21:25 all’aeroporto di Milano con un volo diretto da Londra. Cappellino militare e sciarpa nerazzurro in mano, l’attaccante ha rilasciare le sue prime dichiarazioni da interista in lingua inglese: “Mancini è un bravo allenatore, mi ha voluto qui e adesso sono felice di essere arrivato all’Inter – spiega Podolski, sommerso da un centinaio di tifosi che lo attendevano all’aeroporto di Linate - Conosco la Serie A, è un campionato difficile, ma io voglio segnare e portare la squadra in Champions, abbiamo anche l’Europa League da poterci giocare…mi auguro di vivere una bella stagione, forza Inter! Sono già pronto per Inter-Juventus? Vedremo…”. Podolski arriva in prestito oneroso dall'Arsenal fino al termine della stagione per una cifra vicina ai 600mila euro. Sabato mattina le visite mediche e alle 12:00 previsto un pranzo con Mancini, che ha già riservato parole al miele per il suo nuovo attaccante: "Se andiamo indietro nella storia i tedeschi nell'Inter hanno fatto benissimo. Come giocatore lo conosco, sa fare più ruoli, calcia benissimo, è campione del mondo. Viene da Bayern e Arsenal, ha grande esperienza e qualità".

Nerazzurri anche su Shaqiri - Dopo Podolski in casa Inter non è escluso l’arrivo di Shaqiri  Anche perché Mancini ha chiesto due esterni offensivi. In giornata c'è stato un incontro tra i dirigenti nerazzurri e l'entourage di Shaqiri a Milano. Nel frattempo sia Lavezzi sia Cavani sono rientrati a Parigi. Sul Pocho c'è sempre un forte interesse da parte dei nerazzurri.

Milan, visite mediche per Cerci - Mattinata di visite mediche per Alessio Cerci (guarda il video), pronto a vestire la maglia del Milan dopo esser stato messo in naftalina dall'Atletico Madrid nella prima parte della stagione. Il giocatore romano già in giornata potrebbe raggiungere i nuovi compagni di squadra a Milanello, ma non è escluso che la presentazione al gruppo rossonero ed i test atletici possano slittare al 3 gennaio. L'ex Torino, però, non potrà esordire con la maglia rossonera contro il Sassuolo martedì. Il 5 gennaio, giorno di apertura del mercato, verrà depositato il trasferimento a titolo definito di Fernando Torres dal Chelsea, a quel punto l'attaccante verrà girato all'Atletico Madrid che provvederà a fare altrettanto con Cerci e il Milan. Difficile che l'intera operazione possa essere risolta in così poco tempo, quindi l'attaccante dovrà attendere probabilmente il 10 gennaio per esordire: la trasferta di Torino, contro i granata, gara in cui sfiderà anche il suo stesso passato.

Niang verso l'Olympiacos -
Per un esterno che arriva potrebbe essercene un altro che parte. M'Baye Niang potrebbe infatti andare in Grecia: in prestito all'Olympiacos.

Roma-Atalanta, contatti in corso -
Giallorossi e nerazzurri stanno parlando di Emanuelson. Nel discorso potrebbe essere inserito anche Salih Ucan.

Napoli, Uvini verso il Palmeiras -
Il difensore brasiliano è vicino al trasferimento in Brasile. In uscita anche Rosati e Radosevic, mentre per l'acquisto di Gabbiadini dalla Sampdoria si stanno delineando gli ultimi dettagli.

Marcolin ritorna a Catania - L'ex centrocampista di Lazio e Napoli siederà sulla panchina del Catania. L'accordo c'è. Sarà dunque Dario Marcolin il nuovo allenatore dei siciliani. Per lui si tratta di un ritorno: è già stato a Catania nel 2009 come vice di Sinisa Mihajlovic.

Colpo Pescara, ecco Vrdoljak -
Arriva dall'Nk Novigrad il primo rinforzo degli abruzzesi. L'esterno sinistro croato, classe '93, è già a Pescara. Contratto di tre anni e mezzo.

Gerrard, addio ai Reds
- Steven Gerrard lascerà il Liverpool a fine stagione. La notizia, anticipata ieri dai media inglesi, trova ora la conferma del club. "La decisione più difficle della mia vita", dice il giocatore. "Ho preferito prenderla adesso per non turbare il guppo e il manager poi. Spero di tornare un giorno a servire questo club, in qualsiasi modo". E sul futuro: "Non posso ancora dire dove giocherò, ma non sarà una squadra che affronterà il Liverpool". L'annuncio ufficiale del divorzio - E' arrivato poche ore dopo il 2-2 contro il Leicester, in cui il capitano ha realizzato una doppietta gonfiando la rete dal dischetto. Confermate, quindi, le indiscrezioni della stampa inglese che si erano diffuse già nella tarda serata di ieri. Alle 10 di questa mattina, il comunicato congiunto del club di Anfield Road e del suo storico capitano.
Il Liverpool conferma - "Gerrard lascerà il club alla fine della stagione 2014-15", scrive anche la società sul proprio sito internet, sottolineando che si chiuderà così una storia lunga 17 anni con 10 trofei vinti, 695 presenze e 180 gol finora collezionati. Il 34enne centrocampista è al Liverpool da quando aveva 8 anni e ha debuttato in prima squadra nel 1998. "Gerrard non lascerà il calcio al termine della stagione - specifica il club -, ma continuerà la sua carriera fuori dall'Inghilterra, in una squadra che non avrà il Liverpool come possibile rivale.


Tutti i siti Sky