Caricamento in corso...
09 aprile 2015

Pogba e Tevez, il futuro della Juve passa dalle loro scelte

print-icon
pog

Pogba veste la maglia bianconera dal 2012, Tevez dal 2013 (foto getty)

LE IDI DI MARZIO . A fine stagione le due stelle bianconere saranno a un bivio di mercato. In caso di cessione, a Torino potrebbe arrivare Dybala o Cavani. Anche se Allegri insiste per un trequartista e sogna uno tra Mkhitaryan, Sneijder, Oscar e Mata

di Gianluca Di Marzio
La priorità, un trequartista. Indipendentemente dal futuro di Pogba e Tevez. Un trequartista, sì. Già cercato a gennaio, per modellare sempre di più la Juve a immagine e somiglianza del suo allenatore, Allegri, e del suo 4-3-1-2. E allora si torna su Sneijder? No, al momento il profilo dell’olandese è stato messo da parte. Quella di qualche mese fa poteva essere un’occasione, non lo è più stata. Così, la Juve resta su quel Mkhitaryan sondato a inizio 2015 e sempre più fuori dal progetto Dortmund. Klopp lo ha schierato ultimamente poco e male, in ruoli non suoi, tanto da farlo sembrare lontano parente di quello che illuminava lo Shakhtar. E’ assistito da Raiola, ecco perché l’opzione va tenuta sempre in considerazione. E poi? E poi, Oscar. Vecchio pallino di Paratici che lo segue e fa seguire da una vita. Oltre a Mata, sì proprio Mata, considerato il fantasista giusto per il modulo Allegriano. Ma in questi casi bisognerà capire strategie e movimenti di Chelsea e United per approfittare di eventuali margini di manovra.

Destini incrociati - Il destino di Pogba ovviamente condizionerà il mercato della Juve, presto per fare previsioni certe. Che abbia mille (e ricchi) corteggiatori è vero ma nessuno –tranne il Psg- si è palesato con segnali veramente concreti. E quella parigina, al momento, è una strada che non intriga molto Paul. La scelta dell’attaccante invece ruoterà attorno alla decisione di Tevez. Se resta un altro anno, tutto su Dybala. Per il quale serve comunque alzare l’offerta a 30 per convincere Zamparini e anticipare la concorrenza. Se Carlitos invece chiederà di anticipare il suo ritorno in Argentina, al Boca, allora Marotta e Paratici perseguiranno in maniera più concreta la strada che porta a Cavani. Non solo un sogno dopo i contatti delle scorse settimane. Ma naturalmente un’operazione molto costosa (tra cartellino e ingaggio lordo per quattro stagioni, minimo 100 milioni) che può diventare realtà a varie condizioni. Come quella che gli altri corteggiatori (Atletico Madrid e United) non facciano troppo in fretta a bloccare il Matador triste a Parigi. Perché la sua, di priorità, è invece quella di cambiare maglia.

Tutti i siti Sky