Caricamento in corso...
21 maggio 2015

Barça, l'addio di Xavi: "Ringrazio tutti, vado all'Al-Sadd"

print-icon
xav

Xavi ha dedicato la sua intera carriera al Barcellona, costellandola di successi (Getty)

A fine stagione uno dei migliori centrocampisti del mondo degli ultimi anni chiuderà un ciclo iniziato 24 anni fa: "Il mio obiettivo è comunque quello di tornare qui, a casa mia". Adesso lo aspetta il Qatar

Tutto come era stato vociferato: Xavi lascia il Barcellona. A fine stagione uno dei migliori centrocampisti del mondo degli ultimi anni chiuderà un ciclo iniziato 24 anni fa, col suo ingresso nel settore giovanile alzugrana fino all'esordio in prima squadra nel '99. Da allora tre Champions League, due Mondiali per club, otto successi in Liga, due in Coppa del Re, due Supercoppe europee e sei spagnole. "A fine stagione lascerò il Barcellona - ha dichiarato in conferenza stampa - La mia è una decisione definitiva, difficile, non è stato affatto semplice decidere di andar via da questo club, ma insieme alla mia famiglia abbiamo ritenuto che questo è il momento di andarmene. Sono felice di essere rimasto ancora un'altra stagione, ma ho giocato meno del solito ed è arrivata l'ora di cambiare aria. Mi costa molto, ma c'è un nuovo progetto emozionante che inizierà nel Qatar, giocherò nell'Al-Sadd le prossime due stagioni e poi lavorerò con l'accademia Aspire dove avrò la possibilità di studiare come allenatore e direttore sportivo".

Xavi ha 35 anni ma il club catalano ha cercato ugualmente di convincerlo a restare. "Voglio ringraziare il club perché la fiducia nei miei confronti non è mai mancata, due settimane fa mi hanno anche offerto il prolungamento del contratto fino al 2018, ma ho deciso di andar via. Voglio ringraziare anche i tifosi e spero di non averli delusi. Il mio obiettivo è comunque quello di tornare qui, a casa mia".
Xavi parla di un "Barcellona che sta vivendo una stagione esaltante, spettacolare e quando ho avuto la possibilità di giocatore e di dare il mio contributo mi sono sentito utile, ma non sono stato un titolare. Prima di ogni cosa, però, viene la squadra, è la cosa più importante per me e per questo ho continuato a lavorare con impegno e umiltà. Mi sento partecipe dei successi che abbiamo ottenuto e sono felice di essere rimasto un altro anno anche perché abbiamo la possibilità di scrivere un'altra pagina di storia".

Il riferimento di Xavi, ovviamente, è al possibile triplete. Dopo aver vinto la Liga, il Barcellona giocherà la finale di Coppa del Re contro l'Athletic Bilbao e quella di Champions League contro la Juventus. "Non saranno facili, ma sono sfide spettacolari e dopo aver vinto la Liga sogno di alzare la Coppa, sicuramente è un finale di carriera qui al Barca meraviglioso - sottolinea Xavi - E' stata un'avventura splendida, ma voglio vincere altri due titoli prima di andare via e di giocare in un'altra squadra. Spero di essere ricordato dai tifosi come un giocatore che ha sempre dato tutto sia con il Barcellona che con la nazionale spagnola".

Tutti i siti Sky