Caricamento in corso...
10 maggio 2010

Giro, Evans: che tappa ridicola... E oggi 224 km in linea

print-icon
cad

Il campionde del mondo Cadel Evans ha strappato la maglia rosa a Wiggins

"Mai visto nella mia carriera una corsa così nervosa e pericolosa". E' durissimo il commento di Cadel Evans sulla frazione di ieri, la seconda del 93° Giro d'Italia. Colpa delle troppe cadute che hanno reso un incubo gli ultimi 40 km. LE FOTO

COMMENTA NEL FORUM DI CICLISMO

"E' stata una tappa ridicola. Mai visto nella mia carriera una corsa così nervosa e pericolosa". E' durissimo il commento di Cadel Evans sulla frazione di ieri, la seconda del 93° Giro d'Italia. Colpa delle tante, troppe cadute che hanno reso gli ultimi 40 chilometri del percorso da Amsterdam a Utrecht un vero incubo. Ma lui - come anche altri, tra cui Basso e Garzelli - sapendo le insidie della gara hanno sempre corso in testa al gruppo per evitare inutili rischi. "Nel finale nessuno voleva tirare per la volata e sono rimasti in gruppo. Così è pericoloso". Oggi la terza tappa Amsterdam-Middelburg, di 224 km.

Già nel 2002 Evans era stato maglia rosa. "Allora avevo altre idee e rimasi un po' sorpreso", dice. Infatti durò appena un giorno. Adesso è diverso. "Volevo la maglia rosa alla fine, forse è presto ma sono comunque contento". In classifica è davanti a tutti, con un secondo di vantaggio su Tyler Farrar, vincitore allo sprint della prima tappa in linea. "E' vicino a me, ma sullo Zoncolan lo stacco...", scherza l'australiano.

Com'e' cambiato Evans rispetto a quello in rosa di otto anni fa? "La gente più stretta intorno a me è la stessa ma la squadra è cambiata. E' cambiata la mentalità e le ambizioni e ho trovato un buon equilibrio. Sta arrivando il mio tempo, e la squadra mi dà lo stimolo giusto".

E' insomma durato un giorno solo Bradley Wiggins in rosa. "Sono rimasto coinvolto in una caduta - dice - E' stato un peccato perché non sono più riuscito a prendere il ritmo. A sette chilometri dall'arrivo poi sono caduto di nuovo. E' stato davvero troppo. Ma questo è il Giro. Un giorno va bene, il giorno dopo sei in fondo al gruppo. Questo è il ciclismo. Sapevamo che era pericoloso e al Tour sarà lo stesso. E' dura perdere la maglia rosa in questo modo".

"Sapevamo cosa ci aspettava - dice Ivan Basso - e l'imperativo era di correre in testa al gruppo per evitare cadute o pericolose perdite di tempo. E' stato necessario un surplus di lavoro da parte dei compagni, ma alla fine tutto è andato nel migliore dei modi.  Deluso Damiano Cunego: "Nella caduta a 40 km dalla fine sono stato tamponato e ho danneggiato la bici. Non me ne sono accorto ma poi 30 chilometri dopo a una curva ho strappato e non potevo più pedalare". Ha rotto il cambio, che gli si è girato con la catena entrandogli nei rapporti.  La sfortuna mi perseguita - conclude Cunego - ma l'importante è portare le ossa a casa. Era una tappa pericolosissima".

Tutti i siti Sky