Caricamento in corso...
07 luglio 2010

Tour, uno sprint alle bollicine. Petacchi fa il bis a Reims

print-icon
pet

Nella quarta tappa con arrivo nella città dello champagne, seconda vittoria allo sprint per il ciclista spezzino che beffa il neozelandese Dean e Boasson Hagen (Team Sky). La maglia gialla resta sulle spalle di Fabien Cancellara. GUARDA LE FOTO

COMMENTA NEL FORUM DI CICLISMO

IL TOUR DE FRANCE TAPPA PER TAPPA

Superato il pavè, che ha ottenuto il suo tributo di ferite, il Tour è ripartito con la quarta tappa, con partenza da Cambrai e arrivo a Reims. E Alessandro Petacchi ha concesso il bis precedendo Mark Cavendish. Lo svizzero Fabien Cancellara ha conservato la maglia gialla. Per Petacchi è la seconda vittoria di tappa. Il velocista spezzino della Lampre Farnese si è regalato una splendida impresa a Reims. al termine di una volata fantastica per potenza e tempestività.

Petacchi, infatti, è partito ai 300 metri e nessuno ha più saputo rimontarlo: alle sue spalle sono finiti il neozelandese Dean e il norvegese Boasson Hagen, mentre Cavendish è stato risucchiato dagli altri velocisti. Ad animare la tappa, la lunga fuga proposta da Champion (AG2R), De Greef (Omega Pharma Lotto), Isasi (Euskaltel), Mayoz (Footon Servetto) e  Vogondy (Bbox Bouygues Telecom), ripresi dal gruppo a meno di diceci chilometri dal traguardo. In classifica generale, nulla è cambiato e Fabian Cancellara ha tranquillamente difeo la sua maglia di leader della classifica generale.

"Non ho niente da perdere, l'altro giorno Freire mi ha detto che il Tour è già fatto e quello che viene è tutto di guadagnato. Un po' aveva ragione...". Alessandro Petacchi a 36 anni infila una doppietta al Tour, che porta a sei i suoi successi nella Grande Boucle dopo i quattro successi del 2003. Petacchi ha preceduto nettamente in volata il neozelandese Julian Dean, il norvegese Edvald Boasson Hagen e l'australiano Robbie McEwen; soltanto dodicesimo il britannico Mark Cavendish, vincitore di sei tappe l'anno scorso.

"Sapevo che non dovevo far partire Cavendish e Hishovd perché è difficile rimontarli - ha detto Petacchi -. Oggi avevo delle buone sensazioni, stavo veramente bene. Ancora una volta ho fatto una grande volata, ho rischiato. Quando ho visto il cartello dei 300 metri sono partito, ho sentito che le gambe tenevano. Quando vedi l'arrivo al Tour a costo di mangiarti il manubrio non molli".

Dopo un deludente Giro d'Italia, la Lampre si sta rifacendo con un Tour da protagonista. "Dopo la prima tappa un po' di responsabilità c'è- ammette Petacchi -. Anche oggi tutti i miei compagni hanno fatto l'impossibile. Abbiamo fatto il nostro gioco. E oggi c'è stato anche un grande Petacchi".

Ordine d'arrivo quarta tappa:
1. PETACCHI Alessandro    3h 34' 55"       
2. DEAN Julian    
3. BOASSON Edvald Hagen    
4. MC EWEN Robbie       
5. HUNTER Robert    
6. TURGOT Sébastien   
7. ROJAS Jose Joaquin    
8. OSS Daniel    
9. HUSHOVD Thor    
10. FREIRE Oscar.

La classifica generale del Tour:

1. Fabian Cancellara (Svi) - Saxo Bank 18h28'55";
2. Geraint Thomas (Gbr) - Sky + 0'23";
3. Cadel Evans (Aus) - BMC + 0'39";
4. Ryder Hesjedal (Can) - Garmin- Transitions + 0'46";
5. Sylvain Chavanel (Fra) - Quick Step + 1'01";
6. Andy Schleck (Lux) - Saxo Bank + 1'09";
7. Thor Hushovd (Nor) - Cervelo + 1'19";
8. Alexandre Vinokourov (Kaz) - Astana + 1'31";
9. Alberto Contador (Spa) - Astana + 1'40";
10. Jurgen van den Broeck (Bel) - Omega Pharma-Lotto + 1'42.

Tutti i siti Sky