Caricamento in corso...
02 ottobre 2010

Mondiali, un affare per cinque: l'Italia punta su Pozzato

print-icon
pip

Filippo Pozzato: l'Italia del ciclismo punta su di lui al Mondialie di Melbourne

Secondo i pronostici sono Gilbert, Evans, Cancellara e Freire, oltre all'azzurro, i candidati per la scalata al titolo iridato. Il ct Bettini analizza il suo team e dice: "Lippi è il mio modello". Ieri la crono, oggi i 262 Km da Melbourne a Geelong. FOTO

Sfoglia l'album dei campioni del pedale

Mondiali: ecco il percorso di Melbourne nel dettaglio

Bomba su Contador, positivo al Tour: l'Uci lo sospende

Philippe Gilbert, Filippo Pozzato, Cadel Evans (n.1 uscente), Fabian Cancellara, Oscar Freire (sarebbe al quarto successo, un record), Tyler Farrar, Thor Hushovd. Sfogliando la margherita iridata, il prossimo campione del mondo di ciclismo su strada dovrebbe uscire da questa rosa di candidati, in cui va incluso anche Samuel Sanchez, olimpionico a Pechino. Nella notte tra sabato e domenica si corre la gara elite, la più prestigiosa tra quelle in programma in Australia: 262,7 chilometri con partenza da Melbourne.

Una novità sta nel modo in cui è concepito il percorso: dopo 85 km si raggiungerà il circuito finale di 15,9 chilometri a Geelong (da compiere 11 volte). Così come nuova sarà l'assenza degli auricolari che permettevano ai corridori di scambiare informazioni con i responsabili delle squadre. Il percorso, inizialmente presentato come favorevole agli sprinter, ad un più attento esame si è rivelato ricco di insidie e passibile di molte interpretazioni. E l'arrivo, un falso piano in salita, potrebbe cogliere di sorpresa agli scattisti. Un'incognita è poi il meteo. Nel Sud dell'Australia, vicino al mare, la saggezza popolare assicura che quattro stagioni si possono alternare nell'arco della stessa giornata.

Il ct azzurro, Paolo Bettini, passa in rassegna gli uomini che puntano al successo finale e anche lui riconosce al belga Gilbert grosse chance: "E' un grande corridore. Sono curioso di vedere come correrà l'Australia con Evans, un battitore libero. Nessun dubbio, invece, per quanto riguarda la Spagna: sarà unita per Freire" campione già nel 1999, 2001 e 2004. E poi una battuta: "Mi ispiro a Marcello Lippi, che ho conosciuto personalmente, ma la mia Nazionale non farà la fine della sua in Sudafrica".

Anche secondo Pozzato "il favorito è Gilbert". Gli fa eco lo svizzero Cancellara, fresco vincitore del titolo nella cronometro: "Dico Gilbert, ma aggiungo Pozzato. Sono questi gli uomini e le squadre da battere".   Una cosa è certa: gli azzurri avranno una spinta in più, nel ricordo di Franco Ballerini, il ct scomparso lo scorso febbraio in un incidente di rally: "Questa è la Nazionale di Franco e il fatto di avermi voluto già a Mendrisio in ammiraglia - sottolinea Bettini - mi fa pensare che il passaggio di consegne c'era stato già. Domenica corriamo per lui". Riportare in Italia il Mondiale della corsa su strada, due anni dopo l'ultima vittoria azzurra (nel 2008 con Alessandro Ballan), sarebbe il modo più bello per ricordarlo.

Intanto, bisogna stemperare la tensione delle ore che mancano alla gara. "Il primo giorno faremo solo una pedalata - dice ancora Bettini -. Grazie alla gara degli Under 23 abbiamo avuto delle indicazioni sul percorso, ma la gara dei professionisti sarà diversa nella lunghezza, nel numero dei corridori e nell'esperienza. La tattica? E' da qualche giorno che abbiamo pensato, ci siamo confrontati sulle varie alternative di come vogliamo distribuire la gara. Alla riunione che precede la gara dopo aver condiviso tutte le proposte, sceglieremo insieme".

Commenta nel Forum del Ciclismo

Tutti i siti Sky